:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 Marcel ritrovato, di Giuliano Gramigna | Nuova edizione Irelfe
con una nota di Ezio Sinigaglia
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Roberto Maggiani
L���ora del blu

Sei nella sezione Commenti
 

 Roberto Maggiani - 13/04/2019 01:18:00 [ leggi altri commenti di Roberto Maggiani » ]

Annamaria, Mariella e Giacomo, grazie per i vostri commenti. Un caro saluto.

 Giacomo Leronni - 06/04/2019 08:00:00 [ leggi altri commenti di Giacomo Leronni » ]

Roberto, hai detto tutto quello che cera da dire e non il caso di aggiungere altro... ognuno di noi dovrebbe limitarsi a fare ci che sa fare, chiedendosi se lo sa fare e cercando di farlo sempre meglio. Il resto inutile vanagloria, di cui non rester traccia a prescindere dal nome...

 Mariella Bettarini - 05/04/2019 16:51:00 [ leggi altri commenti di Mariella Bettarini » ]

Caro Roberto, stupenda davvero questa tua "recensione" (ma direi molto di pi...)al libro di versi di Eugenio Scalfari, che non ho ancora letto, ma che credo legger.
Grazie per le preziose tue notazioni critiche e "sociologiche" e complimenti sempre per la tua straordinaria "modestia", propria di un autore autentico. Un carissimo saluto da Mariella

 Annamaria Pambianchi - 05/04/2019 09:24:00 [ leggi altri commenti di Annamaria Pambianchi » ]

Sottoscrivo pienamente il giudizio di Maggiani sul libro di Scalfari ’L’ora del blu’ che peraltro ho voluto leggere per non esprimere pareri a vanvera. Pur non essendo un critico letterario - e con tutto il rispetto per la figura di Scalfari - ritengo la recensione di Alberto Asor Rosa poco (o niente affatto) rispettosa del lavoro certosino che i poeti ’minori’ svolgono abitualmente sui propri testi. Mi sembra dunque quella di Asor Rosa, pi che un commento critico, un’operazione nella sostanza eticamnte ambigua.