:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Roberto Maggiani
Finch�� c����� vita c����� speranza

Sei nella sezione Commenti
 

 Roberto Maggiani - 05/07/2011 18:31:00 [ leggi altri commenti di Roberto Maggiani » ]

Caro Mauro, sono d’accordo con te.
Caro Giacomo, non mi offendo mai, posso arrabbiarmi, ma non offendermi, tanto meno se esprimi, come hai appena fatto, il tuo parere con rispetto per quello altrui: inoltre fede e dolore sono cos personali che non si pu che ascoltare le testimonianze che ciascuno, a partire dalla propria esperienza, si sente di dare al riguardo.

 mauro Iozzi - 05/07/2011 17:36:00 [ leggi altri commenti di mauro Iozzi » ]

Nel mio piccolo dico solo che ogni valutazione personale, etica,morale,religiosa etc sia superflua. credo che solo chi abbia la "sfortuna" di vivere certe situazioni,sa cosa sia giusto o no fare in quei dolorosi momenti,ed ogni decisione va rispettata in un doveroso "silenzio".

 Giacomo Colosio - 05/07/2011 17:22:00 [ leggi altri commenti di Giacomo Colosio » ]

Girovagando mi capitato questo articolo ripescato. Visto che tu fai delle affermazioni personali allora faccio anch’io le mie che sono opposte alle tue quasi in tutto. Mi chiedo: ma possibile che non si riesca a usare la logica e l’etica nel fare ragionamenti di questa portata ma ci si debba sempre allacciare ad un credo religioso?
Non sono d’accordo, caro Roberto. Molto comodo essere dalla parte della vita senza contare le sofferenze degli altri.
Ho fatto la guerra ad un medico che la pensa come te e che addirittura per motivi religiosi vietava l’uso di farmaci stupefacenti per malati terminali. Gestiva una casa di riposo, anzi ne era il Direttore Sanitario...io ero il presidente dell’associazione parenti. Dopo due anni di battaglie la popolazione del paese dove abito si ribellata ed il talebano della sofferenza ad ogni costo stato esonerato dall’incarico. Ecco, lui anche era uno dalla parte della vita a tutti i costi. So che tu hai dei dubbi su certi comportamenti della chiesa, lo spieghi nel tuo articolo, ed io rispetto chi come te ragiona con la direttrice della fede...io no,
ragiono con la logica anche se invidio, in certe circostanze, chi come te ha fede in un essere superiore e in un aldil. Ciaociao...non ti offendere, ti prego!!!

 leopoldo attolico - 21/09/2010 21:21:00 [ leggi altri commenti di leopoldo attolico » ]

Di quella tristissima vicenda mi annotai -due giorni prima della fine di Eluana - il commento pronunciato da quel miserabile individuo che stato ed il nostro presidente del Consiglio :" A me sembra che non ci sia altro che la volont di togliersi di mezzo una scomodit".
Splendida sensibilit , splendido cinismo .

 Loredana Savelli - 15/02/2009 11:13:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

Agghiacciante testimonianza. Guardare in faccia la morte, in diretta, e prendere posizione: chi davvero oserebbe dire "S, lo voglio"? Mi viene in mente il pensiero di Piero nella canzone di de Andr: "E se gli sparo in fronte o nel cuore il tempo a me rester per vedere, vedere gli occhi di un uomo che muore..."

 Maria Musik - 12/02/2009 21:50:00 [ leggi altri commenti di Maria Musik » ]

Esco dal silenzio che mi ero imposta per associarmi a Roberto. Ed ora ritorno al silenzio, con le braccia aperte verso il cielo.

 juannesalvador - 10/02/2009 21:43:00 [ leggi altri commenti di juannesalvador » ]

Nel mio piccolo,posso solo affermare che il caso della povera
Eluana stato "usato" solo come un’arma da taluni politici che
hanno voluto e tentato,di spianare la strada all’eutanasia.
Mi complimento per l’accurata e sintetica ricostruzione di questo
tragico episodio che,purtroppo,non fa onore all’Italia,se vero
che quest’ultima da annoverare come un Paese civile e democratico
con una societ organizzata che fissa le proprie regole e leggi
al suo interno,per far s che le medesime siano nell’interesse del
popolo e di tutti gli abitanti di questo Paese chiamato ancora Italia.

 giuliano - 10/02/2009 21:27:00 [ leggi altri commenti di giuliano » ]

Bravo Roberto!

 Alessio Romano - 09/02/2009 23:29:00 [ leggi altri commenti di Alessio Romano » ]

Io sono assolutamente allibito su quanto accaduto, dovendo dare il mio parere, (nonch basato sui miei sentimenti) non ho saputo cosa dire.
Non vedo nella lettera del padre di Terry Schiavo niente di offensivo, ma non vedo niente di offensivo nel desiderio che tutto avesse fine dei genitori di Eluana. Tutto sommato, essendo le cose andate in questo modo, e non vedendovi niente di sbagliato, credo che le cose siano andate bene. Ma non so pensare se sia giusto o sbagliato ci che vuol fare il governo, non credo che siano cose che possa decidere un governo che va a senso unico, senza ripensamenti. Il tutto per mi resta un grande enigma.