:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2021 [Invito a partecipare]
Premio "Il Giardino di Babuk" VII Edizione 2021: le interviste agli autori
 
« torna indietro | vai al video | scrivi un commento al video »

Commenti al video proposto da Roberto Maggiani
Non specificato

Sei nella sezione Commenti
 

 Loredana Savelli - 30/11/2011 21:47:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

... ma spezziamo una lancia anche per quelli brutti, perché forse sono più sofferti e veri.

 Loredana Savelli - 30/11/2011 21:46:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

Sì, i piedi belli sono una poesia.

 leopoldo attolico - 30/11/2011 18:56:00 [ leggi altri commenti di leopoldo attolico » ]

Sollecitato dal tema e dalle suggestive modalità espressive di Erri De Luca , vi propongo un mio testo che , a latere dell’argomento , lo chiama in causa coinvolgendo l’excursus di un diretto interessato : il podologo .

Il podologo di rango -

Di suo
il podologo di rango
ci mette autentica vocazione
fibrillazione dei quanti
che è ragionare con i piedi
a passi felpati , discreti
ed indagare fisiognomica geografie e sintomi
affabulando con il "tu" più disarmante ,
sapido escamotage per ottenere di più senza imbarazzi

Può accadere che la melopea delle sue domande
si infiammi per un bel piede o per un coacervo di calli
come è giusto che sia
perché in realtà i suoi interlocutori
sono i piedi , non il paziente :
( per me si va nella città dolente
è epica deambulatoria / sussultoria
che lui non dimentica mai nei suoi colloqui ad personam )

E quando il panneggio sonoro dei pizzicotti
degli smanettamenti
e delle gentili turbolenze raggiunge l’acme liberatorio
il podologo di rango non si rilassa
né esulta più di tanto :
rimane partecipe ma periferico , adiacente
come dopo un’amabile guerriglia tutta di piedi
tra fanterie surriscaldate
ma non definitivamente pacificate ,
irrimediabilmente pedestri

Da " Siamo alle solite "
Fermenti , 2001
Pref. di Giorgio Patrizi