:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2021 [Invito a partecipare]
Premio "Il Giardino di Babuk" VII Edizione 2021: le interviste agli autori
 
« torna indietro | vai al video | scrivi un commento al video »

Commenti al video proposto da Roberto Maggiani
Non specificato

Sei nella sezione Commenti
 

 Roberto Maggiani - 10/09/2018 01:48:00 [ leggi altri commenti di Roberto Maggiani » ]

Grazie cara Cristina, il tuo commento esprime bene uno dei pensieri sottesi a questa poesia, in particolare, questo che dici: "Viviamo in un mondo che ha schiacciato, stritolato l’eros in nome di divinità stupide ottuse crudeli infami." è una delle linee di pensiero di questo mio ultimo libro ma anche un po’ di tutta la mia ultima scrittura. Un abbraccio.

 cristina bizzarri - 09/09/2018 15:18:00 [ leggi altri commenti di cristina bizzarri » ]

E’ il caso di dire che mi ha toccata questo testo, mi hanno toccata le splendide immagini, la voce che le dice. E l’autore con i suoi occhi verdi e limpidi. Ci sono cose che la società non dice, non rivela, nasconde. Un mondo piccolo che non sa e non vuole per questo aprirsi all’eros felice della vita, all’eros doloroso della sofferenza, all’eros dei contatti umani infinitamente multiformi, variegati, quasi mitici nella loro forza dirompente che scioglie tensioni, accarezza, provoca piacere, porta accordo, armonia e unione e, infine, pace. Viviamo in un mondo che ha schiacciato, stritolato l’eros in nome di divinità stupide ottuse crudeli infami. In nome di un potere assoluto e cieco che cannibalizza l’umano avvilendolo. Per fortuna di questo immenso imbroglio ormai in molti sanno, in pochi sanno esprimerlo. Grazie Roberto.