:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Laura Turra
Kaddish* (Gli unici fiori)

Sei nella sezione Commenti
 

 Laura Turra - 29/01/2019 14:34:00 [ leggi altri commenti di Laura Turra » ]

Grazie Jacob per il testo (bellissimo) della preghiera e per aver letto i miei versi. Un caro saluto

 Jacob l. - 29/01/2019 14:00:00 [ leggi altri commenti di Jacob l. » ]

Dio Misericordioso nell’alto dei cieli concedi il giusto riposo sotto le ali della presenza divina tra i santi ed i puri che brillano come lo splendore del firmamento all’anima di quest/a tuo figlio/a che è andata al suo mondo per la carità ottenuta per il ricordo della sua anima.
Che dunque il Signore di Misericordia lo/la nasconda tra le Sue ali per sempre e avvolga la sua anima nella vita eterna.
Dio sia la sua eredità, e possa riposare in pace nella Sua protezione, e diciamo: Amen.[29]

Diciamo El Malei Rachamim
La preghiera per i morti nel Yom Ha-Shoah.
J.

 Laura Turra - 27/01/2019 10:06:00 [ leggi altri commenti di Laura Turra » ]

Sì, María. Grazie sempre della tua sensibilità.

 Maria Musik - 27/01/2019 09:56:00 [ leggi altri commenti di Maria Musik » ]

Laura, questa preghiera salga alta ma poi ricada come pioggia. Stiamo ancora calpestando i fiori.
Grazie!

 Laura Turra - 26/01/2019 06:50:00 [ leggi altri commenti di Laura Turra » ]

Grazie, Gil, grazie per la tua voce cara.
Ti abbraccio

 Gil - 26/01/2019 04:17:00 [ leggi altri commenti di Gil » ]

Quella levità celeste sembrava un destino, che andò in frantumi a causa d’un "male" fino ad allora mai concepito, perché radicalmente autoreferenziale, la negazione assoluta dell’altro, la sua estrema cosificazione materica, impensabili allora "gesti di cura", che avrebbero avuto il senso umano di un riconoscimento a specchio; così tutto diventa ignoto che impaura, calpestio d’ un’innocenza che sfiori, senza riconoscimento, per l’opera crudele d’una visione aberrante d’un’identità.
C’è una mitezza in questi versi, che li rende nobili nella circostanza che vogliono ricordare, segno di una delicata sensibilità della poetessa, capace così di farsi giusta eco d’una tragedia altrimenti inenarrabile poeticamente.

 Laura Turra - 23/01/2019 11:12:00 [ leggi altri commenti di Laura Turra » ]

Grazie a te, Giulia!

 Giulia Bellucci - 23/01/2019 11:04:00 [ leggi altri commenti di Giulia Bellucci » ]

Grazie Laura per questi versi, cui non voglio aggiungere altro.

 Laura Turra - 23/01/2019 10:48:00 [ leggi altri commenti di Laura Turra » ]

Alberto, Marco, vi ringrazio molto per aver letto e condiviso questo mio pensiero. A voi un caro abbraccio

 Marco G. Maggi - 23/01/2019 10:10:00 [ leggi altri commenti di Marco G. Maggi » ]

Splendida, cara Laura: versi di pregevole fattura che vanno dritti al cuore

 Alberto Becca - 23/01/2019 08:56:00 [ leggi altri commenti di Alberto Becca » ]

Mi unisco e condivido la tua preghiera, ricordando anche il Salmo 44:
".. Tu ci hai abbattuti in un luogo di sciacalli e ci hai avvolto di ombre tenebrose.. siamo prostrati nella polvere..il nostro corpo è steso a terra.. Vieni (Signore), salvaci per la Tua misericordia !"