:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di virgilio puer longaevus mietti
il buon senso

Sei nella sezione Commenti
 

 virgilio puer longaevus mietti - 15/06/2024 08:56:00 [ leggi altri commenti di virgilio puer longaevus mietti » ]

il buon senso indica pure che pubblicare massivamente una sorta di diario o chat del tipo FB, denatura un sito che dovrebbe essere invece letterario, per cui in primis faccio un passo indietro per aver postato troppo, però da quel che vedo c’è gente che due o tre o più al giorno investe sulle righe, no, così , lo ripeto, va a danno, e non mi si dica che la statistica produttiva aumenta il respiro o la soddisfazione in direzione, ci deve essere una regola, un limite razionale e logico, così lascio in attesa di decisioni, un saluto, vir

 virgilio puer longaevus mietti - 11/06/2024 13:45:00 [ leggi altri commenti di virgilio puer longaevus mietti » ]

mia cara Livia, qui all’interno delle Marche ce ne sono fin troppi di paesini quasi da rifare in toto, da san ginesio ad amandola, monte san martino il mio dove da bambino son vissuto, e che conta ancora case da rifare, personaggi come il gelato di pasquale non fa mai male con la bici a tre ruote e un carico che faceva leccare sulle labbra..., ehhhhhl’arrotino e il rubivecchi o stracciarolo che sia, il falegname con la pialla e ci sono ancora, sai , le suore benedettine, anzi mi raccontano che resistono nel numero e in sostanza, con la campanella al vespertino, e alla compieta, sì c’è un gran convento a monte san martino, e quadri stupendi, trittici dei fratelli Crivelli, 1460 credo, ho addosso i brividi, come l’organo restaurato a mantice, guardati il risveglio d’un suono
https://youtu.be/-PnPGQznEaY?si=xVaTJRV9EA8qXjPa
ciao vir

 Livia - 11/06/2024 13:31:00 [ leggi altri commenti di Livia » ]

... e l’omino dei gelati che girava per i paesi in bicicletta col suo carico di panna/cioccolato/pistacchio - il mezzadro o il bracciante che tornava a sera dai campi sudato e affamato - l’arrotino con la sua inconfondibile voce tenorile - il falegname con le maniche arrotolate e due bestemmie fra i denti - le Suore gentili dell’asilo che oggi non ci sono più se non in TV - le donne vere e tuttofare di una volta che alle 5 di mattina erano già in cucina-

(Vir, quale sarebbe il paese demolito dal sisma?)

 virgilio puer longaevus mietti - 11/06/2024 13:16:00 [ leggi altri commenti di virgilio puer longaevus mietti » ]

sono io qui a ringraziarti, Livia, perchè mi hai ricordato le famose spagnolette, e quanto vorrei elencare con il tuo aiuto o di altri tutto l’universo dell’artigianato, dalla sarta ai lavori per quanto umili che abbiamo dimenticato, quelle figure intorno l’isolato, demolito dal sisma..., d’un paese sparito, e dio solo sa quanto lo bramo ancora, non lasciatemi solo a ricordare il sagrestano il vecchio spazzino, l’oste d’una volta e il parroco sul guzzetto , moto guzzi sì , fumante e la tonaca tra le gambe, don Curzio, e l’antico benzinaio Damaso , che pompava a mano la miscela, aiutatemi a ricordare, vi prego, ho perso troppi ricordi, la mente a sera se ne va tra le ombre, e ci piango, perchè lassù al paesello non torno più, son vecchio e stanco, non ho altro tempo ormai, ....perdonatemi lo sfogo,
vir

 Livia - 11/06/2024 13:00:00 [ leggi altri commenti di Livia » ]

Un dolce quadretto di donna, le sarte non esistono più, ricordo mia madre intenta col metro e le forbici, con aghi e spagnolette intorno
Venivano da una generazione di donne abituate a farsi tutto in casa. Grazie per questo poetico scritto.