:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Tre monologhi. Penna, Morante, Wilcock, di Elio Pecora [collana Racconti (Teatro)]
 
« torna indietro | leggi il testo | scrivi un commento al testo »

Commenti al testo di Vincenzo Lauria
da ���Alberi Improbabili���

Sei nella sezione Commenti
 

 Vincenzo Lauria - 17/09/2018 13:12:00 [ leggi altri commenti di Vincenzo Lauria » ]

Grazie Cristina del commento e dell’apprezzamento, ritrovo molte delle sfaccettature che delinei tra le possibili chiavi di lettura del testo. Vincenzo

 cristina bizzarri - 09/09/2018 00:49:00 [ leggi altri commenti di cristina bizzarri » ]

Sfiora la mancanza e si affaccia su un vuoto che mistero. Qui, la cifra mi sembra un senso di abbandono che spazia dai rapporti umani e terreni al sospetto di qualcosa/qualcuno che (ci) celato. E il sentimento di questa mancanza o assenza si trasforma in lirica. Cos la sento. Molto bella.