Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Poesia della settimana

Questa poesia è proposta dal 14/11/2011 12:00:00
Pagina aperta 2455 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Nov 28 19:37:00 UTC+0100 2020

En vinternatt

di Tomas Tranströmer (Biografia/notizie)

« indietro | versione per la stampa | invia ad un amico »
Invita un utente registrato a leggere la poesia della settimana »
# 2 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »


  

Stormen sätter sin mun till huset

och blåser för att få ton.

Jag sover oroligt, vänder mig, läser

blundande stormens text.

 

Men barnets ögon är stora i mörkret

och stormen den gnyr för barnet.

Både tycker om lampor som svänger.

båda är halvvägs mot språket.

 

Stormen har barnsliga händer och vingar.

Karavanen skenar mot Lappland.

Och huset känner sin stjärnbild av spikar

som håller väggarna samman.

 

Natten är stilla över vårt golv.

(där alla förklingade steg

vilar som sjunkna löv i en damm)

men därute är natten vild!

 

Ôver världen går en mer allvorlig storm.

Den sätter sin mun til vår själ

och blåser för att få ton. Vi räds

att stormen blåser oss tomma.

 


Una notte d’inverno

 

La tempest poggia la sua bocca alla casa

e soffia per emettere un suono.

Dormo inquieto, mi giro, leggo

il testo della tempesta assopita.

 

Ma gli occhi del bambino sono spalancati al buio

e il temporale mugola per lui.

Entrambi amano le lampade che dondolano.

Entrambi sono a metà strada dal linguaggio.

 

La tempesta ha mani infantili e ali.

La carovana si lancia verso la Lapponia.

E la casa avverte la sua costellazione di chiodi

che tiene insieme le pareti.

 

La notte è immobile sul nostro pavimento

(dove tutti i passi attutiti

riposano come foglkie affondate in uno stagno)

ma fuori infuria la notte!

 

Sul mondo passa una più grave tempesta.

Poggia la sua bocca alla nostra anima

e soffia per emettere un suono – temiamo

che la tempesta soffiando ci svuoti.

 

 

[ Tratta da Poesia dal silenzio, Crocetti Editore, a cura di Maria Cristina Lombardi ]



# 2 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »