Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Poesia della settimana

Questa poesia è proposta dal 15/10/2012 12:00:00
Pagina aperta 2035 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Feb 23 18:10:00 UTC+0100 2021

Le stesse parole

di Antonella Palermo

« indietro | versione per la stampa | invia ad un amico »
Invita un utente registrato a leggere la poesia della settimana »
# 5 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »


Terremoto

 

Si frantumò il mio

abitare

senza che potessi lodare Dio.

 

Sparì il mio dove

ferendomi l’asfalto rappreso ai piedi

come crema di nocciole guasta.

 

Ma trovai un comò

che mi transennò la via.

 

L’aria dentro il cassetto

che mi regalasti

mi lasciò la vita.

 

 

Santi

 

Spie sante mi guardano,

sono a mangiare con Dio.

 

La loro aumentata vita mi tiene in vita e

un filo di raso mi lega i capelli fino alle nuvole blu

dove i nuovi vivi stanno.

 

 

Zoppicare

 

Una sua lietezza aveva la domenica

per il tiepido arieggiare anche dentro

il capo e il cuore. Zoppicante chiedeva uno sguardo.

 

Nel deserto intuiva di restare dove dal nulla il cibo viene.

 

Intuiva, e mentre ascoltava un cantare nuovo, il secco si mangiava

quel miraggio. “Schiena dritta, che bisogna vivere”, le dicevano

alcune donne. Fra poco è Natale.

 

 

Case

 

Non scelsi queste mura

e questa gente.

 

Nemmeno le tende pesanti alle finestre

la carta a rose enormi alle pareti.

 

Non scelsi i vicini

troppo vicini

e i lontani

lontani.

 

Né il cortile con troppi maschi

e il piano alto, troppo alto.

 

Scelsi invece le porte blu il cotone bianco

il lavello al sole.

 

Eppure nulla mi appartiene

e passo in perdurante veglia

perché domani nessuna tenda mi riparerà.

 

 

Onestà

 

Non c’è polvere che renda sibilo

il pensiero.

 

C’è un canale pulito tra la cavità del cuore

e l’albero laggiù.



[ Poesie tratte da Le stesse parole, LietoColle ]


Palermo Antonella - Le stesse parole



# 5 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »