Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Poesia della settimana

Questa poesia è proposta dal 09/12/2013 12:00:00
Pagina aperta 1510 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Sep 17 23:40:00 UTC+0200 2020

Cinepresa mistica

di Gianfranco Vacca

« indietro | versione per la stampa | invia ad un amico »
Invita un utente registrato a leggere la poesia della settimana »
# 4 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »


 

*

 

Se sono io ciò che appare

io non saprò cosa sono –

forse sono colui che

potrà appena ricordare

il ricordo di se stesso

quando alla fine

non sarò più dentro di me.

E se non sono io

saprò cosa sono

– immaginosamente –

– agli orizzonti il profumo –

cosa tu sia di me in una rosa

cosa io sia del cielo

nella tua mano.

 

[Capri]

 

 

*

 

Ora lo so – dissi –

e così mi prese e mi parlò.

Era una notte di lune e

cipressi nel roseto di viole,

– qualunque cosa ti dia la mano

inondale il cuore

se perla fatti perla

e se è amore

come io sono,

tu ancora non vuoi dirlo,

prendimi l’arte di assordare l’anima

dove canta l’immenso

che io ascolti

che io discenda

che io sia, per te.

 

[Capri]

 

*

 

Che cosa ha generato il mago,

– l’altro – da sé,

quella creazione alchemica

o l’intenzione,

quella mistura di provette

in una notte esperta.

E ora nasce

ecco,

la forma emersa

muove il primo passo,

vacilla.

Fra le ampolle

la miscela siamese al suo mago

fumiga un’anima parziale

ancora da applicare

che cerca e vede in lui

due occhi presi in prestito

allo sguardo di uno sguardo.

 

[Capri] 

 

 

[ Poesie tratte da Cinepresa mistica, Collezione Letteraria, puntoacapo Editrice ]

 

 


# 4 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »