:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Poesia della settimana

Questa poesia proposta dal 16/06/2014 12:00:00
Pagina aperta 1346 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Feb 22 04:12:00 UTC+0100 2024

Canto a occhi chiusi

di Giovanni Stefano Savino

« indietro | versione per la stampa | invia ad un amico »
Invita un utente registrato a leggere la poesia della settimana »
# 5 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »


 

LXVII

 

Siamo giunti allo sdrucciolo di vita,

tu ed io. Dovrebbe essere facile,

ma a me non reggono le gambe e a stento

compio al mattino accorciato tragitto;

e tu, se puoi, l’intero giorno dormi.

Luce di luglio, forse stamani entri

in ospedale e ti pieghi alle cure

dei medici, agli assaggi ed alle prove;

scadenze e incontri fuori dalla porta

della stanza dove sei ricoverata

lasci, dimentichi dimenticata.

Nemmeno l’eco del mare ti rende

la riva da san Marco a capo Frasca,

ricomposto silenzio in bianco letto.

 

 

5 luglio 2008

 

 

***

 

LXIX

 

Sul tavolo in cucina cinque pesche

e quattro pere fanno quasi un orto,

e portano il profumo della vita

lontana dai sofismi, un cerchio puro

in sé perfettamente chiuso e fuori dall’ordine consueto delle cose,

sì che gli rende la forma dovuta

 

il ricordo dell’albero, del ramo.

 

 

6 luglio 2008

 

 

[ Tratte da Canto a occhi chiusi – Anni solari V, Edizioni Gazebo ]

 

 


# 5 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »