:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 Intervista a Pedro Eiras
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Poesia della settimana

Questa poesia proposta dal 07/11/2016 12:00:00
Pagina aperta 1043 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Nov 27 20:07:00 UTC+0100 2022

Velhos cadernos quadriculados

di Manuel Alegre (Biografia/notizie)

« indietro | versione per la stampa | invia ad un amico »
Invita un utente registrato a leggere la poesia della settimana »
# 1 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »


 

Velhos cadernos quadriculados

 

Os meus primeiros cadernos estão aqui

cheios de sangue e merda e lama

com poemas escritos à pressa no intervalo

de um combate ou de cócoras a cagar

no meio do mato. Poemas decorados

quando na cela não havia papel

e eram ditos em voz alta

só para ter a quem ouvir.

Poemas mais tarde escritos às escondidas

ou a passar fronteiras ou registados

enquanto caminhava pelas ruas

sem país esses casa estes tertúlias

nem compadrios literários

apenas a incomparável marginalidade extrema

e soes caderno quadriculado para apontar

o sangue a merda a lágrima o amor a perda

de que se faz cada poema.

 

 

Vecchi quaderni a quadretti

 

I miei primi quaderni sono qui

pieni di sangue e merda e fango

con poesie scritte in fretta nell’intervallo

di un combattimento o occupato a cagare

in un cespuglio. Poesie decorate

quando in cella non avevo carta

e erano pronunciate a voce alta

solo per avere chi le ascolta.

Poesie più tardi scritte furtivamente

o attraversando frontiere o riportate

mentre camminavo per le strade

senza paese senza casa né amicizie

o compagni letterati

solamente l’incomparabile marginalità estrema

e un quaderno a quadretti per annotare

il sangue la merda la lacrima l’amore la perdita

di cui è fatta ogni poesia.

 

[ da Bairro Ocidental, D.Quixote (2015). Prémio Vida Literária 2016 (Associação Portuguesa de Escritores); Prémio de Consagração de Carreira (Sociedade Portuguesa de Autores).

Traduzione di Roberto Maggiani. ]

 

 


# 1 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »