Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Una notte magica [ Magie e cunicoli spaziotemporali ], Aa. Vv.
Presentazione il 22 settembre 2019, ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Poesia della settimana

Questa poesia è proposta dal 30/08/2010 12:00:00
Pagina aperta 1350 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Jul 19 03:34:00 UTC+0200 2019

A caligrafia das aves (inedito in Italia)

di Tiago Patrício (Biografia/notizie)

« indietro | versione per la stampa | invia ad un amico »
Invita un utente registrato a leggere la poesia della settimana »
# 1 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »



As aves marcam o relevo da maré
e a estenografia das horas
Mudam de estação como de idioma
e ondulam pela areia de uma seara
Emergem de vírgulas interiores
e anunciam uma ortografia madura
entre as linhas de continentes decalcados
a tinta impermanente

Têm uma caligrafia acidental em frente ao mar
e uma forma nasalada de dizer
meu pé, minha mãe, meu pão
Escrevem uma carta com sotaque de despedida,
uma interrogação quando podia ser a travessia



[ Tratto da "O Livro das Aves", di Tiago Patrício, Quasi edições, Portogallo 2009. Prémio Daniel Faria 2009. Inedito in Italia. ]


*


La calligrafia degli uccelli


Gli uccelli seguono il rilievo della marea
e la stenografia delle ore
Mutano di stagione come di idioma
e ondeggiano sulla terra delle messi
Emergono da virgole interiori
e annunciano una ortografia matura
tra le linee di continenti ricalcati
a tinta non permanente

Hanno una calligrafia accidentale di fronte al mare
e una forma nasalizzata di dire
mio piede, mia madre, mio pane
Scrivono una lettera con accento di commiato,
con l'interrogativo su quando potrebbe avvenire la traversata



[ Traduzione di Roberto Maggiani ]

# 1 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »