Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Poesia della settimana

Questa poesia è proposta dal 10/02/2020 12:00:00
Pagina aperta 847 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Sep 25 10:02:00 UTC+0200 2020

Piccolo canzoniere privato

di Alessio Vailati

« indietro | versione per la stampa | invia ad un amico »
Invita un utente registrato a leggere la poesia della settimana »
# 0 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »


 

I.

 

E se qui ancora tace la mattina

e non riporta dal passato un caro

viso morto, altre morti già saranno

come tue, tanto indefinibili;

 

e di tuo padre un giorno e di tua madre

verranno allora i volti nel ricordo

partecipi della tua stessa vita,

di tanto del tuo stesso amore.

 

Ma tace ancora a lungo la mattina

con piccole infusioni di rumore.

 

 

IX.

 

Alla fioca luce notturna delle stelle

l’aria si improvvisa solo dove i tetti

in lampi e in squarci scoprono la vista

 

e dentro infilo alle mie tasche in fondo

un po’ della mia notte immaginata

 

a rompere le righe come quei soldati

un tempo in guerra ma ora persi, andati

in un altrove e intenti a raccontare

 

storie d’amore, di un’eterna pace.

 

 

XXIV.

 

Dentro il cielo è un muoversi di onde

chiare e scure, di pioggia e di vapore

ed è così impalpabile il pensiero

anche gravato di cose terrene.

 

Viaggi anche tu che sei la scheggia

discesa dalle spire di un’eterna

idea: ora luce, ora d’ombra il volto.

 

Viaggi anche tu e in questa attesa

che logora e finisce – e già è finita -

si intrecciano i versi come nidi.

 

 

[ da Piccolo canzoniere privato, Alessio Vailati, Controluna ]

 

 


# 0 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »