:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Poesia della settimana

Questa poesia proposta dal 16/03/2020 12:00:00
Pagina aperta 633 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Sep 11 09:38:00 UTC+0200 2021

Notizie da Patmos

di Fabrizio Bregoli (Biografia/notizie)

« indietro | versione per la stampa | invia ad un amico »
Invita un utente registrato a leggere la poesia della settimana »
# 2 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »


 

OMEOMERIE


In fondo restiamo unità imperfette
materia discorde, ibridata. Una biologia minore.
Insieme terra e nuvola, il germoglio
e la sua tenebra. Così di simile
in simile, l'uno nell'altro scissi
a compierci in un tutto disgregato.


Siamo il buio del seme, l'equinozio
di una luce ingenerata. Quel noi
che avrebbero potuto, e che non sono.
Commensura di uno spazio interdetto
a dire l'impossibile del dono,
il suo plagio perfetto.

 

 

*

 

(PLANCK


(A invaderci talvolta
è un bisogno d'ordine, disgregare
il continuo indistinto delle vite,
parcellizzarle per addensarne il senso
rendere il vuoto confutabile.
Forse dobbiamo a questo il nostro perderci,
redimere quel ganglio opaco
tutto il suo corpo nero
ed anche noi scoprirci irradiazione
di un fulcro stabile, luce compatta
cifra di una costante universale.

 

[...]

 

SCHRÖDINGER)

 

Crederla riscrivibile una vita

manipolabile come una formula,

cambiarne le variabili

per darle il risultato che si auspica.

Poterlo confinare tra parentesi

tutto l'errore, regredirlo a termine

trascurabile, devianza

d'origine statistica. E salvarne

un'ipotesi gregaria, pensarla

compiuta nel suo poco o nulla tutta

una vita, in quel solo attimo

di bene che non mente, la regione

di un perdono possibile.

Soltanto l'essenziale. Un padre, un figlio.

L'eresia necessaria,

quella sua luce salda. Tutto il resto

numero. Scoria)

 

 

*

 

COMPLEMENTI DI TEMPO

 

È come lo specchiarsi in un ritratto
-l'identico di vite differite-
la foto che hai lasciato nel cassetto.
Ritrae la sagoma di te da giovane
viso glabro, divisa militare
quello scompiglio d'anni aquilonari.


E posso credermi sdoppiato, tanto
ti sono simile, tanto da illudermi
di poterti vivere. Anch'io geniere
a costruire sul poco che tiene
un noi ancora indecifrato - e tu
padre e gemello a un figlio riformato.


Complementari di uno stesso intero
in quest'idea di un tempo debellato.
Un gioco a somma zero,
imbelle risiko di ciò che è stato.

 

 

[ da Notizie da Patmos, Fabrizio Bregoli, La Vita Felice ]

 

 

 


# 2 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »