:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Poesia della settimana

Questa poesia proposta dal 06/04/2020 12:00:00
Pagina aperta 499 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Sep 18 15:12:00 UTC+0200 2021

Ci aveva traditi, Giacomo?

di Bruno Centomo (Biografia/notizie)

« indietro | versione per la stampa | invia ad un amico »
Invita un utente registrato a leggere la poesia della settimana »
# 2 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »


 

Mangiafuoco

 

Descrivilo come di fuoco. E non badarci più di tanto.

Prima la stanchezza penda dalle braccia d’angeli

irrequieti per il dover tornare mortali, come ben sappiamo.

 

- Penso al mio Dio, alla terra, ai pianeti. -

 

- Poco più in là, deporrai la pistola. -

Così s’arrese il predatore, a un pallore

che morte gli riconobbe presto, generosamente.

 

Scendeva le scale con l’attenta paura di cadere:

l’attendeva un vento inatteso che si ritma con le mani,

s’imprigiona ai fanali dove s’affollano gli insetti.

 

Per concludere che ci aveva traditi, Giacomo.

Non aver guardato oltre la siepe, immaginando

noi che rimaniamo specchio di noi, profumo

incerto d’una lacrima, ultimo palpito di domani.

Posso però giurarti che quella nuvola

appena scomparsa non t’assomigliava

nemmeno un po’, anche se ne avrai a male.

 

 

 

Di quando si parlava di sogni

 

Di pianeti. Un percorso. Distanti. Interminabile.

Di questo si parlava, senza sapere d’astronomia,

mai aver letto una cartina, eppure credendo

l’un l’altro, sorridendo, annuendo, poter convincere

persino gli angeli a partire, le ragazze che tutto

sarebbe stato facile e ci sarebbero stati comodi letti

e ombre per la notte e tempo per la pigrizia.

 

Ma bastò Giacomo, il più sapiente, dichiarasse

tempo perso, il cercare issare a bordo dell’astronave,

con il destino, il cestino coi panini, i sacchi a pelo,

le lenzuola lise, la polaroid, la chitarra.

Ognuno si riprese quel che era finito nel mucchio:

il vocabolario d’inglese, i vinili di Neil Young,

la tanica per l’acqua, le caramelle molli, le amache,

i teli di nylon, la tenda a casetta, il bikini amaranto

della canzone di Guccini, le paure dell’ignoto,

il tè indiano, un pallone rattoppato, la cartina d’Europa.

 

Solo la preghiera taciuta rimase nei labirinti

dei pochi resti sudici che nessuno voleva

riportarsi a casa. Sta forse ancora là. Forse.

 

 

Ad immaginare un dopo 

 

Provo a immaginarmi scomposto a breve

in ossa che sfogliano poi in carta velina,

sopra cui scrivere porterebbe piacere

a chi tenta farlo sempre e solo sopra

ragnatele scomposte e foglie marcescenti.

Sorprendendosi dunque, se nulla rimane

se non polvere ed acqua e bava di lumaca

o terra smossa da talpa e buco di topolino.

 

Tanto mi potrebbe bastare per conquistarmi

quel poco d’eternità vien messa in palio

ad ogni apparire di sole dopo tempesta,

riconoscendo che, pur lontani, i richiami

sono sicuramente per noi, raminghi e soli.

 

Potrò rassicurarmi, certo potermi addormentare

nei sotterranei di musei farinosi dove stanno

le cose dimenticate, mai esposte, mai ammirate.

 

 

 

[ Opera I classificata al Premio Letterario Nazionale Il Giardino di Babuk - Proust en Italie, VI edizione 2020, sezione Poesia ]

 

 


# 2 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »