Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
BUONA ESTATE
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Poesia della settimana

Questa poesia è proposta dal 20/04/2020 12:00:00
Pagina aperta 573 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Aug 2 13:42:00 UTC+0200 2020

Eco di polvere

di Annalisa Rodeghiero (Biografia/notizie)

« indietro | versione per la stampa | invia ad un amico »
Invita un utente registrato a leggere la poesia della settimana »
# 2 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »


 

XI

 

 

Se questo silenzio è l’eco di polvere

sul disordine di abbandoni inspiegati e delle colpe-

se le madri anche avessero sbagliato

nella bontà, se nella semina

avesse avuto radici storte il seme

e il tropismo della terra non ne avesse corretto

il verso, servirebbe ora sfasciare

- invocato, dei semi maturi, il dio - per ricostruire a norma,

a norma sgusciare come il giorno

nella chiarità- origine, distesa arata, solco.

 

 

XVII

Penso, molto semplicemente, che l’acqua sia l’immagine del tempo.

Iosif Brodskij

 

 

Comunque guardarsi intorno

da un punto distante, avvertire

nella fatica d’argine- agitarsi il fondo,

acqua anarchica nel ribaltamento.

Sarà questo gonfiarsi d’anse rabbiose

a condurci dove si rammendano le colpe,

inconsapevoli di cosa rimarrà

nell’iride della mancanza,

quando spossati torneremo

-nel nulla, nel tutto - che siamo.

 

 

XVIII

 

 

Ogni singola cosa, già era in nuce

e tutto comprendeva.

L’anima se c’è nasce già pronta,

mia amata Cvetaeva. Ogni parola un’eco

ridondante la viva presenza,

anche del silenzio

se nella distanza intercostale era

-il perdurare del lampo - interstizio d’ala,

luce solenne di vita nascente,

come d’albero, da dentro.

D’albero e non casa.

 

 

 

[ Opera III classificata al Premio Letterario Nazionale Il Giardino di Babuk - Proust en Italie, VI edizione 2020, sezione Poesia ]

 


# 2 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »