Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Poesia della settimana

Questa poesia è proposta dal 22/02/2021 12:00:00
Pagina aperta 84 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Feb 26 18:37:00 UTC+0100 2021

Mätarlarven

di Werner Aspenström (Biografia/notizie)

« indietro | versione per la stampa | invia ad un amico »
Invita un utente registrato a leggere la poesia della settimana »
# 0 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »


 

Jag sträcker mig ut från mitt körsbärsblad
och spanar mot evigheten:
evigheten är alldeles för stor i dag,
alldeles för blå och tusenmila.
Jag tror jag stannar på mitt körsbärsblad
och mäter upp mitt gröna körsbärsblad.

 

 

 

Il bruco geometride


Mi sporgo dalla mia foglia di ciliegio,
e all’etemità rivolgo lo sguardo:
l’eternità è proprio troppo grande oggi,
proprio troppo blu, e lontana mille miglia.
Penso che resterò sulla mia foglia,
a misurare la mia verde foglia di ciliegio.

 

 

[ poesia tratta dalla rivista TRAME, luglio-dicembre 1994, Anno VI,  N. 13: Poeti svedesi del Novecento, a cura di Daniela Marcheschi. Redazione Roberto Deidier, Marina Guglielmi ]

 

Werner Aspenström fotografato da Rolf Petterson

 


# 0 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »