:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Poesia della settimana

Questa poesia proposta dal 08/03/2021 12:00:00
Pagina aperta 528 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Feb 21 20:27:00 UTC+0100 2024

Riconosciuta - Colpevole

di Christa Wolf (Biografia/notizie)

« indietro | versione per la stampa | invia ad un amico »
Invita un utente registrato a leggere la poesia della settimana »
# 0 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »


 

ERKANNT


Das bin ich nicht
beteure ich
schuldbewußt
in die fordernden
anklagenden
enttäuschten Gesichter


Aber das bin ich doch wirklich nicht ich
Wirklich bin ich nicht
Nicht ich bin wirklich
Ich bin wirklich nicht

 

Bin ich nicht wirklich?
Das bist du
sagt der Tod

 

Ich bin es gewesen
gestehe ich
Zweifellos

 

30.11.88

 

 

SCHULDHAFT
Im Vortraum
sah ich
ein Doppelwesen
Er liegend
sie stehend
zusammengewachsen
an ihren Füßen
dergestalt
daß der Mann
sich nur aufrichten konnte
mit den Füßen der Frau
sie aber die Stehende
nur gehen konnte
in den Füßen des Mannes


So blieben sie
unbeweglich

 

14.9.87

 

 

 

RICONOSCIUTA


Questa non sono io
assicuro
ai volti
esigenti
che mi accusano
delusi

 

Certo questa non sono io
Davvero non lo sono

Non lo sono davvero
Io davvero non sono io

Vero che non sono io?
Questa sei tu
dice la morte

 

Lo sono stata
lo ammetto
Non c'è dubbio

 

 

COLPEVOLE


Nel dormiveglia
vedevo
un essere duplice
Sdraiato lui
e lei in piedi
uniti
così che
solo con i piedi della donna
ai suoi piedi
l'uomo
si sarebbe sollevato
e lei pur ritta
avrebbe potuto camminare
solo con i piedi dell'uomo


Restavano dunque
immobili

 

 

[ Traduzione di Anna Chiarloni e Ida Travi. Anterem 56, 1998 ]

 

fonte Wikipedia


# 0 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »