:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Poesia della settimana

Questa poesia proposta dal 31/05/2021 12:00:00
Pagina aperta 420 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Feb 14 17:45:00 UTC+0100 2024

La strage degli aquiloni

di Guglielmo Aprile

« indietro | versione per la stampa | invia ad un amico »
Invita un utente registrato a leggere la poesia della settimana »
# 0 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »


 

Scapolo a quarant’anni ci sarà un motivo,

l’imperativo biologico

è un usuraio, i rami affamati si inturgidiscono,

insetti e pianeti obbediscono a uno stesso fuoco;

le passanti si fanno di giorno in giorno più giovani

per ogni mattina che esco

ad annodare il nastro di ferro alla sua bobina,

ma il vento dell’Artico segue la loro scia

complicando alle navi le manovre di attracco;

si direbbe una giornata storta per pescare,

le crocerossine sono state trasferite,

avessi più tempo per osservarle lucidare telefoni

con lo zelo dei martiri ai tempi di Diocleziano,

ma nessuno oltre ai tossici occupa

gli ultimi posti delle corriere notturne,

nessuno condivide i miei attaccapanni

in estate paurosamente vuoti,

 

non penso ad altro

che a una pelle di antilope solo per me

calda, fragrante, piombo fuso sull’inguine.

 

 

[ da La strage degli aquiloni, Guglielmo Aprile, Robin Edizioni ]

 

 


# 0 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »