:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2021 [Invito a partecipare]
Premio "Il Giardino di Babuk" VII Edizione 2021: le interviste agli autori
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Poesia della settimana

Questa poesia è proposta dal 07/06/2021 12:00:00
Pagina aperta 95 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Jun 22 07:16:00 UTC+0200 2021

Invisibile

di Paul Auster

« indietro | versione per la stampa | invia ad un amico »
Invita un utente registrato a leggere la poesia della settimana »
# 0 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »


 

Eppure, tu e tua sorella non parlate mai di quello che state facendo.

Non vi mettete mai neanche a discutere del perché non ne parliate.

Vivete nei confini di un segreto condiviso,

e le pareti di quello spazio sono costruite dal silenzio,

un silenzio folle che può essere spezzato

solo rischiando di farvi crollare quelle mura sulla testa.

Così state seduti nel vostro bagno tiepido,

vi coprite di sapone a vicenda,

fate l’amore sul pavimento prima di cena,

dopo cena fate l’amore nel letto di Gwyn,

dormite come sassi,

e di buon mattino la sveglia vi richiama di nuovo alla coscienza.

 

Nei fine settimana fate lunghe scorribande per Central Park

resistendo all’impulso di tenervi per mano, di baciarvi in pubblico.

Andate al cinema. Andate a teatro.

La poesia che avevi iniziato a giugno dalla sera del compleanno di Andy

non è progredita nemmeno di un verso, ma non t'importa,

adesso hai altre cose che ti premono

e il tempo sta scorrendo veloce,

mancano sempre meno giorni alla tua partenza

e vuoi passare con lei ogni momento che puoi,

vivere la pazzia che avete fatto insieme

fino alla fine del tempo che resta.

 

 

[ La poesia qui proposta è un libero adattamento in versi della scrittura in prosa tratta dal libro Invisibile, Paul Auster, Einaudi (pagina 110) ]

 


# 0 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »