:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Poesia della settimana

Questa poesia proposta dal 14/06/2021 12:00:00
Pagina aperta 507 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Feb 14 17:44:00 UTC+0100 2024

Libro del Sole

di Matteo Trevisani

« indietro | versione per la stampa | invia ad un amico »
Invita un utente registrato a leggere la poesia della settimana »
# 0 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »


 

Il bambino cresceva nell’amore dei suoi genitori.

Osservava il cielo di notte

e immaginava il verso di qualcuno che lo chiamava.

Quando riuscì a dare un nome ai suoi sentimenti

seppe che quello che provava si chiamava nostalgia,

che è la perdita delle cose belle.

 

Guardava i suoi genitori invecchiare insieme

e, siccome li amava, non poteva dire loro

che per lui erano solo la metà di tutto quello che voleva.

 

Una notte, quella dei suoi tredici anni, fece un sogno.

Si era risvegliato in una mattina chiara

in un bosco sconosciuto,

con i raggi del Sole che filtravano dal fitto delle foglie,

chiazzandogli il viso di bianco.

 

Il bambino vide un asino che lo guardava in mezzo agli alberi.

Si accorse che era lì da sempre,

che c’era stato in ogni suo sogno.

Imparò a seguire l’asino,

a chiamarlo per nome nel fitto degli alberi.

A volte si fermava insieme

a contemplare il cielo dei suoi sogni

che era simile a quello vero, solo più intenso,

come se fosse possibile abitarlo.

 

Quando smise di sognare l’asino,

decise che si sarebbe avvicinato a quel cielo che lo chiamava.

Baciò i suoi genitori sulle guance e poi gli disse addio.

 

 

 

[ La poesia qui proposta è un libero adattamento in versi della scrittura in prosa tratta da Libro del Sole, Matteo Trevisani, Atlantide (pagina 112) ]

 


# 0 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »