:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Poesia della settimana

Questa poesia proposta dal 13/09/2021 12:00:00
Pagina aperta 68 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Sep 20 00:06:00 UTC+0200 2021

La statua di sale

di Gore Vidal

« indietro | versione per la stampa | invia ad un amico »
Invita un utente registrato a leggere la poesia della settimana »
# 2 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »


 

*

 

Il fiume scorreva in vortici attorno a loro,

mentre sedevano l’uno accanto all’altro

nella notte blu e fonda.

Una a una apparvero delle grandi stelle.

 

Jim era perfettamente contento,

la solitudine non si agitava più

nella profondità del suo stomaco,

affilata come un coltello.

 

Pensava sempre all’infelicità

come alla “nausea del catrame”.

Quando le strade d’asfalto si scioglievano,

d’estate,

lui masticava il catrame e si sentiva male.

In qualche oscuro modo

aveva sempre associato la “nausea del catrame”

con l’essere solo. Ora non più.

 

Bob si tolse le scarpe e i calzini

e lasciò che il fiume gli raffreddasse i piedi.

Jim fece la stessa cosa.

 

*

 

I giorni volavano alla svelta,

e Jim amava vivere senza un obiettivo.

Era felice di alzarsi la mattina;

era felice di andare a letto la sera

con il pensiero di un nuovo giorno

da aspettare.

 

Sapeva che la sua vita era senza scopo,

e non avrebbe potuto essere più contento.

 

 

[ Le due poesie qui proposte sono un libero adattamento in versi della scrittura in prosa tratta da La statua di sale, Gore Vidal, Fazi Editore, traduzione di Alessandra Osti, pagine 52 e 120 ]

 

 


# 2 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »