:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Poesia della settimana

Questa poesia proposta dal 27/09/2021 12:00:00
Pagina aperta 313 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Feb 22 01:51:00 UTC+0100 2024

Il meteorologo

di Olivier Rolin

« indietro | versione per la stampa | invia ad un amico »
Invita un utente registrato a leggere la poesia della settimana »
# 0 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »


 

Una stanza vuota, illuminata da una luce violenta.

Un uomo in camice bianco.

Si spogli. Si volti. Si abbassi. Allarghi le gambe.

La permanenza alla Lubjanka comincia con la perquisizione corporale.

L’uomo nudo, toccato, manipolato, umiliato,

smette definitivamente di essere un compagno.

 

“Anche dopo mesi, anche quando ti sei abituato

all’idea di essere in prigione,”

scrive Margarete Buber-Neumann –

la moglie del dirigente comunista Heinz Neumann –

che fu deportata da Stalin e da lui consegnata a Hitler –,

“capisci davvero che cosa significa

solo il giorno in cui ti ritrovi dietro una porta senza maniglia;

ma cos’è un prigioniero, cosa significa

lasciare che gli altri dispongano del tuo corpo,

lo capisci

solo dopo la prima perquisizione corporale alla Lubjanka.”

 

 

[ La poesia qui proposta è un libero adattamento in versi della scrittura in prosa tratta da Il meteorologo, Olivier Rolin, Bompiani, traduzione di Yasmina Melaouah, pagina 52 ]

 


# 0 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »