:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Poesia della settimana

Questa poesia proposta dal 29/11/2021 12:00:00
Pagina aperta 618 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Feb 21 21:41:00 UTC+0100 2024

La perdita e il perdono

di Roberto R. Corsi (Biografia/notizie)

« indietro | versione per la stampa | invia ad un amico »
Invita un utente registrato a leggere la poesia della settimana »
# 1 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »


 

JEUX DE VAGUES
(2019)


Accetta un consiglio: vai in spiaggia
fuori stagione, un pomeriggio di mare mosso.

Avrai in mente, mentre giungi, il classico distendersi

dell’onda, come lingua; il suo morire,
quel placato lasciarsi assorbire
dalla battigia.


È questo il diagramma della vita, per i più.
Ma, se farai attenzione, ti sorprenderai
a fissare altre onde, affluenti,
deboli per scavare un canale di risacca
e trovar pace; ugualmente chiamate
all’indietro, a scontrarsi e sfilare di lato
alla normalità delle novelle che accorrono.


Un gioco, solo un grumo di attimi,
zampilli e schianti.
L’esistenza: l’offesa.
Al mondo, distratto come te poco fa, resterà
il passo trionfante delle frangenti; nulla
del vano bramare agnizione, eufonia

con ciò che, onnipotente in giovinezza, 

già mi scavalca.

 

 

 

ADOLESCENTE IN UN COMPRO ORO


Ti luccica lo sguardo bimbominkia
mentre intaschi (lo sai che t’han fregato?)

qualche piotta. Resta sul banco, forse,

quel bracciale di nonna che hai sottratto
da avelli di materia e di memoria.
Sepolti entrambi; certo, lei non torna
a romperti i coglioni per ‘sta cosa.
Verdi euro, tiràti, giusti giusti
per comprarti un device. Sarai felice
per un paio di dì. Papà che dice?
Gli rimborsano l’IMU, il resto stica.

 

 

 

UNA STORIA VERA


Mi batte piano sulla spalla: «Scusa,
possiam fare una foto tra poeti?»
«Con piacere! Io, che sono il più alto, magari sto in fondo...»

«Ehm... veramente tu dovresti scattarla».

 

 

[ tratte da La perdita e il perdono, Roberto R. Corsi, Pietre Vive Editore ]

 


# 1 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »