:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Poesia della settimana

Questa poesia è proposta dal 13/12/2021 12:00:00
Pagina aperta 442 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Feb 17 04:15:00 UTC+0100 2024

L’apocrifo nel baule

di Michele Brancale

« indietro | versione per la stampa | invia ad un amico »
Invita un utente registrato a leggere la poesia della settimana »
# 0 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »


 

La voce

 

Nonostante siano passati anni

dalla fine della guerra, mi sveglio

di soprassalto nella notte, preso

da quella stessa voce che mi spinge,

ogni giorno, a costruire una diga

al male che deflagra, all’esplosione.

 

 

Le luci del mare

 

Nel mare non c’è una madre che vada

a parlare, a portare le sue cure

ad un figlio travolto dalle onde.

 

Il piano sommerso vive nel buio,

è un abisso profondo, rischiarato

da chi fa sosta pensando lo sfondo.

 

 

A Donato

 

Fuori si è scatenato un temporale.

Lo sento nella notte come anche

il maestrale che agita la valle,

lo stesso vento, la furia del cielo

quando eravamo al turno di vedetta,

di guardia, ad osservare le scintille

della ciminiera, la prora fiera

sfidare il mare e le sue strade oscure,

un destino che ora vaga nell’acqua.

 

Dal fondo delle onde sembravano

scaturire le forme di esseri neri,

quelli che venivano a darci il cambio,

come lo davo anch’io a te nella stanza

dei radiotelegrafisti, cedendo

la cuffia alle tue mani, agli occhi gonfi

di sonno il brogliaccio, la sicurezza

della rotta su uno sfondo di lampi.

 

 

Il canto di Capodanno

 

Il danno dell’affanno sembra torni

al punto di partenza, nell’angolo

della casa accanto dove c’è scritto,

sulla porta: «Ieri».

Intorno al fuoco

aspettiamo l’istante che riporti

il tempo nei locali del granaio,

così capiente: i fiori dal fioraio.

 

 

[ da L’apocrifo nel baule, Michele Brancale, Passigli Poesia ]

 


# 0 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »