:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Poesia della settimana

Questa poesia è proposta dal 07/02/2022 12:00:00
Pagina aperta 441 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Feb 22 01:55:00 UTC+0100 2024

D’amore e d’altri inciampi - inediti

di Nicola Romano (Biografia/notizie)

« indietro | versione per la stampa | invia ad un amico »
Invita un utente registrato a leggere la poesia della settimana »
# 0 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »


 

Non indagare

     questo giorno rappreso fra le ciglia

è un semplice fumetto

     di cataplasmi resi al chiaroluna

Com’è lontano

     ciò che pare amore

da qui – garbuglio di parole –

     dove l’azzurro è cricca di comete

Non tu nemmeno noi

     sconfiggeremo l’alba dei lamenti

e lo spettro di vertigini assolate

     mentre il respiro

intorbida l’acquario

     Non tu nemmeno noi

solleveremo franginoie e barriere

     al flusso che scompiglia ogni profilo

È troppo tardi per scalare il mare

     per sventolare arpioni dalle cime

di queste nebbie

     a picco sulla schiena

 

*

 

Se senti Amore

apertamente dillo

con quella levità presa dal sonno

e sia sussurro in punta di tremore

se nella finitezza della sera

s’imprime in gola

e ne risente l’aria

Senza mistero dillo

con la naturalezza dell’albore 

e con la gioia dei primi frutti

dillo

alle luci cangianti delle giostre 

ai muretti in pietrame sui confini

e alle foglie che cadono dai tigli

 

*

 

In questa estate

   greve e analfabeta

sei tu il mio moto a luogo

   l’abbraccio del dittongo

la squillante assonanza

   d’una rima

Sei il senso irrazionale

   del pi greco

l’urto della secante

   e la sezione aurea

del mio tempo

 

 

[ tre poesie inedite tratte dalla raccolta inedita D’amore e d’altri inciampi, Nicola Romano ]


# 0 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »