:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Poesia della settimana

Questa poesia proposta dal 09/07/2022 12:00:00
Pagina aperta 362 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Mar 3 12:06:00 UTC+0100 2024

Fra le camere

di Marcel Proust (Biografia/notizie)

« indietro | versione per la stampa | invia ad un amico »
Invita un utente registrato a leggere la poesia della settimana »
# 0 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »


 

Fra le camere

di cui evocavo più spesso l’immagine

nelle mie notti d’insonnia,

nessuna assomigliava meno

alle camere di Combray,

dove aleggiava un’atmosfera granulosa,

densa di polline, commestibile e devota,

di quella del Grand-Hôtel de la Plage

a Balbec, i cui muri verniciati a smalto

contenevano, come le pareti levigate

d’una piscina dove l’acqua azzureggia,

un’aria pura, celeste e salina.

 

 

[ libero adattamento in versi di una parte di testo tratta da Nomi di paesi: il nome, parte terza di Dalla parte di Swann, in Alla ricerca del tempo perduto, Marcel Prosut, I Meridiani Mondadori, trad. G. Raboni ]

 

 


# 0 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »