:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Poesia della settimana

Questa poesia proposta dal 19/06/2023 12:00:00
Pagina aperta 420 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Feb 22 02:14:00 UTC+0100 2024

Il giorno sulla foglia - anticipazione

di Gabriella Maleti (Biografia/notizie)

« indietro | versione per la stampa | invia ad un amico »
Invita un utente registrato a leggere la poesia della settimana »
# 1 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »


 

27

 

Così libera, così intontita di libertà.
Niente schiamazzi, né appartenenze, ma
fughe silenti, grandiose per incontri con
rospi rugiadosi, cavallette mimetiche verdi
come l’erba.
Dimenticanze pluviali, note ricerche di
erbe e frangipane, minimi pipistrelli caduti
nel secco Rio Re, ali grigie di piccoli poteri.
Siamo noi, amorosi per natura, invalidi senza
stampelle, ma tutt’uno con le provvide risorse
attorno e lanceolati bisogni.
Siamo così, arrendevoli e amanti di quanto ci
viene porto, senza fini, se non l’appartenere a
tutto e a tutti, impressionati e chiari.

 


28

 

Così riluce, ma tanto, il giorno sulla foglia,
sulle sue venature e macchioline piene di senno.
È verde verde la foglia e la vita la tiene stretta
come salvezza. Ha bisogno di vita la vita.
Solo così la vita si mantiene in equilibrio.
A volte è stanca e si aggrappa alla foglia.
In osmosi si guardano l’una nell’altra,
sono il principio e la fine.
E noi le osserviamo, studiando la vita.

 


29

 

Eppure eppure un lievito di rimpianto rimane nella
forma più naturale: un graspo di uva secca al fondo
per osservare ciò che si susseguiva senza capire
che profondamente ci riguardava.
Siamo soliti ad assistere a quanto scorre e ci nega,

come fossimo altri, come cani ad una catena
invisibile di pane ed acqua.

 

Ci imbroglia una natura fiduciosa (buon per noi),
immutata, ed è ciò che siamo e saremo.

 

 

[ da Il giorno sulla foglia, Gabriella Maleti, Il ramo e la foglia edizioni - cura e introduzione di Mariella Bettarini, postfazione di Marta Moretti ]

 


# 1 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »