:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore č soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Poesia della settimana

Questa poesia č proposta dal 25/07/2011 12:00:00
Pagina aperta 2900 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Oct 18 05:46:00 UTC+0200 2021

Sei poesie

di Vera Lúcia de Oliveira (Biografia/notizie)

« indietro | versione per la stampa | invia ad un amico »
Invita un utente registrato a leggere la poesia della settimana »
# 8 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »


*

 

quanto era bello il mare azzurro d’estate il vento

fra i corridoi il bianco nelle case illuminate dal sole

poi ho visto le cose sformarsi e mettersi a soffrire

come se si fossero pentite della loro felicitŕ

 

 

*

 

dalla finestra sentiva il rumore del vento

la vita nel ventre pulsava

i rami sul vetro come unghie

appuntite laceravano la luce

convocavano Dio per vedere

la carne quando č sola

 

 

*

 

non aveva vissuto abbastanza?

ora basta voleva morire nessuno

dovrebbe attendere tanto la morte

nessuno dovrebbe contare i minuti

fra fitte piů fonde che strappano

alla vita decente che differenza

c’era fra lui e il letto se non

che lui sentiva il dolore?

 

 

*

 

diceva che la vita era bella se presa a piccole dosi

ogni giorno una piccola fiammella che stai lě a soffiare

puň darsi che nemmeno Dio si accorga

che sei viva e ti risparmi la morte

 

 

*

 

sui rami spezzati

come dita

senza unghie

mi ero messa senz'armi

il vento malato

staccava foglie dal tronco

scorticava la ferita

 

mi ero messa in quel

preciso punto

in quell'accanimento

con le parole in bocca

senza saperne il senso

 

 

*

 

aveva una gamba che non ubbidiva piů

una gamba malata, non lei, la gamba

sicché la sua anima era un’maratoneta

la sua anima scorrazzava ovunque

questo era il suo dolore, che l’anima

era finita per zoppicare anche a furia

di trascinarsi il corpo come un peso morto

 

 

 

[ Tratte dal libro La carne quando č sola (Self Editrice, Firenze, 2011) ]



# 8 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »