Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
10 luglio 2020: 149 anni dalla nascita di Marcel Proust
Leggi l'Antologia proustiana 2020: Quarantena a Combray
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Poesia della settimana

Questa poesia è proposta dal 05/03/2012 12:00:00
Pagina aperta 1995 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Jul 13 21:35:00 UTC+0200 2020

Il Gigante si scuote dal sonno

di Roberto Mosi (Biografia/notizie)

« indietro | versione per la stampa | invia ad un amico »
Invita un utente registrato a leggere la poesia della settimana »
# 4 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »



Il Gigante si scuote dal sonno

si alza vacillando in piedi
le mani alla fronte.
Un lampo illumina la Cupola,
il boato squarcia la notte.
Il palazzo è avvolto dal fumo,
giungono nubi di voci:
"La bomba!", "Gli Uffizi!"
Il Gigante maledice,
gli occhi caverne di fuoco.
La bocca schiuma di bava.
Trema la terra del prato,
si apre il labirinto, cado
come corpo morto cade.


[ Tratta da L'invasione degli storni, Roberto Mosi, Edizioni Gazebo, 2012 ]



# 4 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »