Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Poesia della settimana

Questa poesia è proposta dal 03/09/2012 12:00:00
Pagina aperta 1744 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Oct 14 13:52:00 UTC+0200 2020

Parigi

di Patrizia Pallotta (Biografia/notizie)

« indietro | versione per la stampa | invia ad un amico »
Invita un utente registrato a leggere la poesia della settimana »
# 2 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »


Non tornerò sul metrò di Parigi

dove vidi morire una poesia.

Era nata da uno sguardo di

Montmartre, sotto un cappello

sgualcito dal freddo blu,

simile a un dipinto surreale,

a una figura senza presenza.

Rime sorte fra tetti sovversivi

polvere del sangue

violenza per teste coronate.

Nessuno urlò più motti

inneggianti libertà,

chiusi nelle ruote di

una moderna stazione

bianca.

Il poema sfiorì, s'allontanò

seguendo un guizzo

di pieghe su porte scorrevoli,

scivolando su un bavero

logoro.

Fu verso vanificato

astratto rapito dalla

carnagione di una

tela cubista e l'invito

d'una spinetta antica

e stonata.

 

 

[ Poesia tratta da Insoliti sguardi, Edilet ]



# 2 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »