Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Poesia della settimana

Questa poesia è proposta dal 20/04/2015 12:00:00
Pagina aperta 1357 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Dec 4 23:11:00 UTC+0100 2020

La gemma del silenzio - tre inediti

di Rossella Tempesta

« indietro | versione per la stampa | invia ad un amico »
Invita un utente registrato a leggere la poesia della settimana »
# 7 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »


 

*

 

Come il tuo sguardo azzurro

è l’alba della campagna.

Esiste solo l’oggi

e questo vento di scirocco

sui campi e sul mare.

 

*

 

Gente che riempie il mercato

un giovedì di febbraio che è di sole e di nuvole

e alcune le stende come lenzuola il vento

sul dorso rugoso e verde degli Aurunci.

 

Gli umani di questo paese del centro e del sud

si sospingono gli uni con gli altri, portano

appese alle braccia prolunghe di cose

e dentro le bocche schiuse, gli sguardi alti e persi,

mulinano pensieri spicci.

 

Sarebbe il caso tutti si fermassero e si baciassero

congratulassero di esserci, proprio qui,

in questo spiazzo luminoso e vivo,

ed ora, nel respiro esatto di quest’attimo.

 

Tutti a sedersi in terra e dirselo.

 

*

 

La gemma del silenzio

esplode nella sera

e tutti corrono ai rifugi certi

con facce di bestie o di rose ormai peste

trascinano a casa le pesanti armature

slacciano i nastri alle maschere.

 

Ecco le strade

si illuminano contro la notte

eppure favoriscono il buio,

l'ombra mia amica, dove potrò giacere

e finalmente e nuda

senza più maschera e armatura

posare gli occhi sulle gemme nuove.

 

 

fotografia di Roberto Maggiani


# 7 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »