:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 Premio Il Giardino di Babuk - Proust en Italie - VIII edizione 2022
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Poesia della settimana

Questa poesia proposta dal 23/10/2017 12:00:00
Pagina aperta 963 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Jul 5 08:11:00 UTC+0200 2022

Tre inediti

di Leopoldo Attolico (Biografia/notizie)

« indietro | versione per la stampa | invia ad un amico »
Invita un utente registrato a leggere la poesia della settimana »
# 7 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »


 

LA GIOIA NEI COLORI

(In ricordo di Achille Serrao)

 

 

Ora che ormai

soltanto un'eco può sorprenderci

lasciandoci nel cuore i resti di un sorriso

-per contro

i tuoi colori sono il pane di una consuetudine

di una relazione feconda e ineludibile

 

Quando la sua crosta scricchiola

con il suono più vicino all'amore

risillaba le parole che lo fanno esistere

e le traduce in sensi e suoni

in gioia inestinguibile

effusiva come una scolaresca di bambini in gita

 

[ Inedito 2013 ]

  

 

 

IO E LORO

 

 

In questa epoca di emotività a entropia crescente

il valore che do alle parole mi ha insegnato

che hanno un profondo senso della vergogna

e soffrono se usate male

 

Quindi niente strep tease intellettuale

o cuccia calda di sentimentalismo deamicisiano;

solo un silenzioso sfiorarsi di gomiti

nel comune destino di riconoscerci inadeguati

 

[ Inedito 2016 ]

 

 

 

UN VECCHIO, UN TRENO

 

 

Dalle rotaie nere saliva un freddo cane.

Il treno assaporava ad ogni stazioncina

la brina fumida perlacea dell'aspro mattinale

 

Tossiva cupo cianotico

il vecchio del corridoio, a me vicino;

tossiva e scaricava il suo umore

di schiuma rossa, senza stile

 

Ogni volta mi sorrideva

e illuminava gli occhi azzurri

d'un sorriso d'innocente.

Voleva l'assoluzione,

che il pudore non diceva.

Moriva a poco a poco

e non lo sapeva?

 

[ Inedito 1986 ]

 


# 7 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »