:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
BUONA ESTATE CON LE NOSTRE LETTURE CONSIGLIATE
Il vuoto è pieno di poesia, articolo di Donato Di Stasi
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Poesia della settimana

Questa poesia è proposta dal 12/11/2018 12:00:00
Pagina aperta 635 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Jul 28 17:02:00 UTC+0200 2021

Pensieri sottili

di Alessandro S. Dall’Oglio

« indietro | versione per la stampa | invia ad un amico »
Invita un utente registrato a leggere la poesia della settimana »
# 0 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »


 

Shakti

 

Un pensiero che fa piangere per strada,
questo sei, non come gli altri vili,
che amano soltanto la sera.
Il tuo spirito allegro,
contamina di verde e tatua,
un sorriso speziato che profuma,
quanto vizio o virtù di gioventù. Shakti.

 

 


Oltredonna

 

Adoro e amo il tuo essere transizione,
quel tramonto oltre ogni alba, tu, oltredonna,
circondata di commedianti e di falsari,
con le loro odi splendenti, celanti ogni verità,
erigiti e innalzati oltre i veli d’ipocrisia,
e smaschera ora quei troppi piccoli conformi.
Odio o disprezzo chi non ti intravede,
chi difende ancora la storia, che non ti esaltò,
e non ti vede, neanche ora che sei qui,
così olistica, sciamana, divina. Tu, oltredonna.

 

 


Elettrone

 

Un solo comune fusto, sola radice
converge e si espande in flussi universali
e penso a quanto sia beffardo e irraggiungibile
il vero volto della verità, con la sua pelle.
Nascosto da tante, finte promesse,
tanto inenarrabili quanto un folle amore,
non ha bisogno di forbici, né di altro chirurgo,
per circoscriver l’enigma dalla soluzione,
che ci attraversa mobile e instabile.

 

 

 

L’ultimo colloquio

 

Oh algida pelle, fiorente sorriso incarnato,
sei l’estrema vertebra della lunghezza,
desiderio sublime senza ritorno,
trasverso di sogno e brama,
fra mille estasi o estati.
E forse dividere ogni resto,
di una convivenza che aspettavi,
oh vacanza di vita assoluta congiunta.
Sei l’ultimo colloquio, tu, assoluto infinito.

 

 

[ da Pensieri sottili, Alessandro S. Dall'Oglio, Edizioni Ensamble ]

 

 


# 0 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »