Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
10 ANNI DI RECHERCHE (presso Foollyk, Roma, 3 dicembre 2017 ore 17)
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - IV edizione (2018)
Leggi il bando di concorso | Raccolta Fondi
 

Collana di eBook a cura di Giuliano Brenna e Roberto Maggiani

« ultimo pubblicato prec » « suc primo pubblicato »

eBook n. 152 :: L’invasione degli storni, di Roberto Mosi - Illustrazioni di Enrico Guerrini
LaRecherche.it [Poesia e immagini]

Invia questo eBook al tuo Kindle o a quello di un amico »

Proponi questo libro ad uno o più lettori: invia il collegamento all'eBook
http://www.larecherche.it/librolibero_ebook.asp?Id=155

Formato PDF - 14 MByte
Scarica/apri/leggi [download] »
Aperto/scaricato 486 volte



Downloads totali: 487
Ultimo download:
12/11/2017 12:49:00
Data di pubblicazione:
25/02/2014 12:00:00
 
Notizie sull'eBook
(per fermare lo scorrimento posizionarsi con il mouse sulla zona gialla):

Libreria Salvemini, Piazza Salvemini, Firenze

mercoledì  5 marzo 2014, ore 18

 

La Libreria Salvemini

invasa dagli storni

 

TeleVideo Poesia

GazeboLibri/LaRecherche.it: “L’invasione degli storni”

 

Autore Roberto Mosi

Scenografia di Enrico Guerrini

Musica: l’Organetto di Sebastiano Todde

La voce degli storni: Giulia Capone Braga, Renato Simoni

Commento: Donato Massaro

 

# 5 commenti a questo e-book [ scrivi il tuo commento ]

 Roberto Mosi - 18/03/2016 08:33:00 [ leggi altri commenti di Roberto Mosi » ]

Ho rivisto l’e-Book "L’invasione degli storni" dopo qualche tempo. Devo dire che mi sorprende sempre la bellezza del disegno e dell’impaginazione dell’amico Enrico Guerrini.

 Mariella e Sandro - 09/03/2014 18:32:00 [ leggi altri commenti di Mariella e Sandro » ]

Caro Roberto, abbiamo riletto e compreso in modo più approfondito il testo. Abbiamo apprezzato il percorso:
1) La rappresentazione dell’Inferno come immonda discarica, come luogo in cui tutto è mescolato, inquinato, distrutto (molto significativo il riferimento alla bomba degli Uffizi) e rappresenta anche una minaccia perchè impedisce a ciascuno di noi di essere migliore;
2) Il Purgatorio come squallida sala di attesa dove la malattia spinge alla ricerca della guarigione che diventa anche ricerca e scoperta di se stessi;
3) Il Paradiso, fatto spesso di illusioni, fabbrica di sogni, che significa però anche ritorno alla vita, ancora più apprezzata dopo tante sofferenze e lo stretto contatto con la morte.
Questo viaggio, che intreccia tra loro gli eventi della storia e quelli personali, è intenso, emozionante e coinvolgente. E’ un viaggio alla ricerca della felicità, con la consapevolezza che essa è fatta con la stessa materia dei sogni, ma intrigante è proprio il viaggio

 Franca Alaimo - 07/03/2014 17:40:00 [ leggi altri commenti di Franca Alaimo » ]

Ringrazio Mosi, a mia volta, e mi scuso per i diversi errori fuggiti dalle mie dita imprecise nel battere le lettere sui tasti.

 Roberto Mosi - 07/03/2014 17:11:00 [ leggi altri commenti di Roberto Mosi » ]

Ringrazio per questa meravigliosa recensione, assicurando che mi interesserò per la riproduzione del libro . A presto ...

 Franca Alaimo - 06/03/2014 22:01:00 [ leggi altri commenti di Franca Alaimo » ]

Lo scempio della Bellezza sembra diventato da qualche tempo il tema di molte opere d’arte. Impossibile non citare il film di Sorrentino, La grande bellezza, vincitore in questi giorni del premio Oscar, e non ricordare chè e stato il filo conduttore perfino di uno spettacolo come il Festival di Sanremo. Anche la silloge di Mosi si fa carico di tanto insulto ( a partire dallo scempio di una delle più belle biblioteche fiorentine per continuare con quello dell’ambiente naturale e del paesaggio urbano) per farne la metafora di un decadimento dell’io interiore, o, meglio, vista la struttura della silloge, dell’inferno dell’uomo contemporaneo che con la bellezza ha perduto se stesso. Per recuperare la bellezza ( ma la storia dell’esilio dall’Eden imbeve di sè la Poesisa in genere, anche se spesso sottintesa) è necessario un viaggio di ritorno grazie alla guida di una donna, che ha lo stesso nome dell’angelo nunziante il Salvatore, e quello - come precisa l’autore stesso - di una sorellina vissuta solo un giorno. La figura femminile si carica, allora, come per gli stilnovisti e Dante stesso, di un ruolo di intermediatrice fra terra e cielo.
Mosi, in questa come nelle precedenti sillogi, sceglie sempre di collocare i suoi testi in percorsi dinamici e poco a poco disvelanti della natura della sua meta. E questa volta lo fa con un apparato simbolico imponente e con la sua abituale intelligenza ed attenzione verso gli eventi della Storia dell’uomo parallelamente a quella personale, attraversata e mutata da una lunga malattia fisica.
Tornare a Dante, alla sua idea di viaggio catartico ( che Mosi compie attraverso il Regno del male e poi attraverso, come si diceva, quello della malattia per approdare al paradiso dell’arte cioè alla Bellezza d matrice divina), non solo è il segnale della sua fiorentinità, ma testimonia anche l’intramontabile valore della tradizione, che sempre si rinnova adattandosi ai tempi ed agli scopi.
Così dimostra anche il felice connubio tra i testi di Mosi e le immagini di Guerrini dialoganti fra loro, spesso delle vere e proprie scenografie in cui fatti e persone si muovono.
Il prodotto finale è di notevole qualità etica ed estetica, frutto com’è di un lavoro davvero fine d’interpretazione dei testi da parte del Guerrini. In particolare mi sembra un’esperienza tutta nuova coniugare la poesia con l’arte del fumetto e mi sembra un ascommessa bellissima e feconda.
Viene proprio voglia di averlo questolibro. Come si fa?