Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
10 ANNI DI RECHERCHE (presso Foollyk, Roma, 3 dicembre 2017 ore 17)
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - IV edizione (2018)
Leggi il bando di concorso | Raccolta Fondi
 

Collana di eBook a cura di Giuliano Brenna e Roberto Maggiani

« ultimo pubblicato prec » « suc primo pubblicato »

eBook n. 198 :: Finestra d’Italia, di Simone Consorti
LaRecherche.it [Poesia e fotografia]

Invia questo eBook al tuo Kindle o a quello di un amico »

Proponi questo libro ad uno o più lettori: invia il collegamento all'eBook
http://www.larecherche.it/librolibero_ebook.asp?Id=201
Di Simone Consorti
puoi anche leggere:

Formato PDF - 8 MByte
Scarica/apri/leggi [download] »
Aperto/scaricato 377 volte

Formato EPUB - 4 MByte
Scarica/apri/leggi [download] »
Aperto/scaricato 91 volte

Formato mobi per Kindle
Invia al Kindle »
Aperto/scaricato 0 volte
Downloads totali: 468
Ultimo download:
21/11/2017 22:32:00
Data di pubblicazione:
04/04/2016 12:00:00
 
 

# 4 commenti a questo e-book [ scrivi il tuo commento ]

 Loredana Savelli - 08/04/2016 21:23:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

Le fotografie esaltano testi già perfettamente autosufficienti. L’insieme è assai convincente anche per quel tono apparentemente distaccato e insieme accorato.

Un saluto, Simone.

 Maria Grazia Ferraris - 08/04/2016 18:58:00 [ leggi altri commenti di Maria Grazia Ferraris » ]

Ho fame/ho sete/ ho freddo/ho fretta.
La breve poesia che porta il numero 23, può davvero essere una sintesi del canto appassionato e sconsolato di Simone Consoli, Finestra d’Italia: le sfide, le lotte antiche che hanno perso senso, i bisogni disattesi, la fede respinta, l’indifferenza del nostro mondo. Ruota intorno a noi il mondo che non sappiamo più vedere, che non ci commuove più, che non riconosciamo come il nostro specchio deformato, degrado senza fine: quello dei vecchi, abbandonati fisicamente e spiritualmente, dei giovani, egotisticamente chiusi nelle loro cuffiette in suoni che li trascinano in mondi altri, quello dei migranti e del filo spinato che li arresta…. l’infelicità.
La fotografia in bianco e nero offre il secondo sguardo, non il commento, lo sguardo lucido di chi non vuole chiudere gli occhi.
I ciechi conoscono i cieli
e spesso hanno un loro concetto
degli arcobaleni
Più di tutto sono esperti di spazi immensi
e di giorno vanno di notte nei deserti

 Luciano Nanni - 08/04/2016 14:22:00 [ leggi altri commenti di Luciano Nanni » ]

La realtà incide anche sulla parola: non è solo un tentativo quello di unire la parola all’oggetto. Credo che in gran parte l’autore ci sia riuscito. Però senza tradire l’immaginazione (testo numero undici).

 Franca Alaimo - 06/04/2016 13:35:00 [ leggi altri commenti di Franca Alaimo » ]

L’incontro con l’artista Simone Consorti, attraverso le pagine virtuali de La Recherche, è stata per me un’esperienza molto significativa.
Le sue fotografie in bianco e nero ( non ricordo chi ha detto che il bianco e nero contiene più colori del colore) confermano come. quando vi sia dietro l’obiettivo un artista, la realtà si trasformi in visione; e no non intendo affatto indicare con questo termine nulla di onirico, quanto piuttosto quella capacità di lettura del reale non coincidente (finalmente!) con il semplice atto del vedere, quanto piuttosto una capacità di interpretazione del reale, con una propensione, casomai, a farne simboli mentali. Tanto più che queste fotografie hanno una loro eco ( ma forse è il contrario?) nei testi poetici che per me che scrivo poesia hanno costituito la maggiore sorpresa. Le poesie di Consorti hanno un timbro originale e, soprattutto, sono abitate da un sentimento di coraggioso e forte dissenso nei confronti del potere, sia esso culturale, religioso, politico. Sono poesie spesso "feroci", come feroce sa solo essere la nuda verità. Consorti racconta così la storia d’Italia, dalla Resistenza ad oggi. Ed i suoi eroi sono i deboli, le vittime. Ci troviamo, dunque, di fronte ad un doppio gesto artistico di grande valore etico, che mi fa ricordare, in qualche modo, il grandissimo Pasolini. Ma sempre prima della parola "nuda" c’è la tenerezza ed essa
la si può sentire liberarsi, intensa e tenace, dal male rappresentato.