Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - IV edizione (2018)
Leggi il bando di concorso | Raccolta Fondi
 

Collana di eBook a cura di Giuliano Brenna e Roberto Maggiani

« ultimo pubblicato prec » « suc primo pubblicato »

eBook n. 208 :: Poesie dell’uccidere in volo, di Alberto Rizzi
LaRecherche.it [Poesia]

Invia questo eBook al tuo Kindle o a quello di un amico »

Proponi questo libro ad uno o più lettori: invia il collegamento all'eBook
http://www.larecherche.it/librolibero_ebook.asp?Id=212

Formato PDF - 1 MByte
Scarica/apri/leggi [download] »
Aperto/scaricato 209 volte

Formato EPUB - 433 KByte
Scarica/apri/leggi [download] »
Aperto/scaricato 46 volte

Formato mobi per Kindle
Invia al Kindle »
Aperto/scaricato 0 volte
Downloads totali: 255
Ultimo download:
17/10/2017 20:22:00
Data di pubblicazione:
25/11/2016 12:00:00
 
 

# 4 commenti a questo e-book [ scrivi il tuo commento ]

 Flavio Almerighi - 23/02/2017 15:17:00 [ leggi altri commenti di Flavio Almerighi » ]

un gran bel libro, riassembla echi e cose vecchie per farne una cosa nuova, bravo Alberto

 Alberto Rizzi - 05/12/2016 17:11:00 [ leggi altri commenti di Alberto Rizzi » ]

Ringraziando quanti hanno finora commentato per la loro positività, colgo l’occasione per alcune precisazioni: il risultato "visivo" nasce prima di tutto da una ricerca (che porto avanti fin dall’inizio del mio scrivere poetico), volta a rendere visivamente più che con l’interpunzione il ritmo della poesia.
Sui rimandi al Futurismo, non è che mi ci senta vicino, come del resto spiegato anche nell’introduzione. E’ un Movimento che - come scrissi privatamente al Sig. Omodeo - stimo molto, a prescindere dalle connotazioni politiche che prese; ed immagino naturale che, visto l’argomento della raccolta, una delle prime cose che un lettore si aspetta, sia quella di ritrovare nella raccolta stessa dei richiami precisi. Però ciò non era assolutamente mia intenzione: volendo fare un ragionamento meramente stilistico, la sfida era proprio quella di trattare la I Guerra Mondiale con un linguaggio assolutamente moderno, contemporaneo; evitando quindi - salvo inevitabili accenni qui e là - qualsiasi citazione o, peggio, imitazione.
Se in generale sono per il resto d’accordo con quanto è stato da voi scritto, mi permetto di dissentire da quanto afferma il Sig. Nanni (se l’ho compreso bene) e cioè che il Futurismo manchi in genere di sostanza. Se a volte la ricerca stilistica fine a se stessa prese un po’ la mano a quegli autori, credo che ciò sia accaduto solo in poche occasioni e, semmai, in quegli scrittori minori, che vi si accostarono più con spirito imitativo che con reale convinzione. Fatto, questo, inevitabile per il Futurismo, come per qualsiasi altra corrente artistica.

 Luciano Nanni - 30/11/2016 08:54:00 [ leggi altri commenti di Luciano Nanni » ]

La forma potrebbe avere somiglianze col futurismo, con la differenza che qui esiste una sostanza, cioè il significato e l’invenzione, molto ricca ed estesa fino alla contaminatio con la prosa, cioè prosa poetica. La forma rileva che nella poesia esiste anche un aspetto visivo. E in questo caso conferisce un senso di spaziale veramente riuscito: la pagina dunque come spazio ipoteticamente esteso all’infinito in cui i ’verba’ fissano la loro presenza quale messaggio.
p.s. confronta Casavola.

 Adolfo Sergio Omodeo - 25/11/2016 16:21:00 [ leggi altri commenti di Adolfo Sergio Omodeo » ]

Notevole celebrazione 15\18 . Un ritorno al futurismo con rinnovato linguaggio demodé - quasi disfattista. Sottile e articolata contemplazione critica sull’estetica dell’aggressività umana e tecnologica. Un tardo contemporaneo potrebbe dire uccider\si in volo.

Adolfo Sergio Omodeo