Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
10 ANNI DI RECHERCHE (presso Foollyk, Roma, 3 dicembre 2017 ore 17)
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - IV edizione (2018)
Leggi il bando di concorso | Raccolta Fondi
 

Collana di eBook a cura di Giuliano Brenna e Roberto Maggiani

« ultimo pubblicato prec » « suc primo pubblicato »

eBook n. 24 :: In quella soffitta, di Giulia Tubili
LaRecherche.it [Poesia]

Invia questo eBook al tuo Kindle o a quello di un amico »

Proponi questo libro ad uno o più lettori: invia il collegamento all'eBook
http://www.larecherche.it/librolibero_ebook.asp?Id=25

Formato PDF - 115 KByte
Scarica/apri/leggi [download] »
Aperto/scaricato 802 volte



Downloads totali: 1,#QNAN
Ultimo download:
17/11/2017 11:45:00
Data di pubblicazione:
02/03/2009 18:14:00
 
 

# 8 commenti a questo e-book [ scrivi il tuo commento ]

 Domenico Morana - 22/10/2012 19:18:00 [ leggi altri commenti di Domenico Morana » ]

“Ove ristagnano i sogni più inquieti io vivo,
disteso, danzo macabro, nell’angolo più polveroso della stanza.

Io, taciturno ti logoro, così i tuoi denti ingialliscono, la tua gola arde, ma mi vuoi.

L’immagine di un vecchio ragazzo è imprigionata dentro di me.
Non catturo più un tuo sorriso da quando se n’è andato nella terra delle spezie

Nel mio animo sono soffiati venti, si è affacciata gente, sono passati cavalli al trotto, mi hanno invaso fumi di camino.

Mentre mi parlavi, i nodi dei miei capelli si scioglievano come neve al sole.

Un capello, ormai insinuato nella mia tela, sembra disegnare un solco che non potrà mai essere colmato.”





È ora di una zweite Fassung di quel ch’è riposto in soffitta, Giulia!
La poesia, più che mai, ha bisogno di questa tua freschezza.

Scusa il mio commento intempestivo. Girovagavo per il sito... à la recherche... ho trovato queste tue poesie.
E mi sono “visto”, fuori da ogni possibile tempo...

Al piacere di rileggerti.

D.

 Fiammetta - 04/03/2009 22:56:00 [ leggi altri commenti di Fiammetta » ]

La pendola,la bambola sono particolarmente i temi che mi hanno più colpito perchè ogni giorno toccano i miei sentimenti. E’ importante trovare una scrittrice che li abbia evocati con crepuscolare levità. Complimenti!

 Master of all parallel universes - 04/03/2009 15:27:00 [ leggi altri commenti di Master of all parallel universes » ]

Complimenti per le poesie, potrei sospettare autobiografiche. Notavo una certa tendenza a richiamare rapporti conflittuali che probabilmente lei vive e che maschera di volta in volta attraverso oggetti inanimati che la rappresentano. In ogni modo le porgo i miei complimenti per lo stile preciso e forte.

 E. - 03/03/2009 22:50:00 [ leggi altri commenti di E. » ]

che dire... complimenti!
poesie davvero belle che investono oggetti del quotidiano di significati riposti, segreti, affascinanti.
brava!

 Roberto Maggiani - 03/03/2009 20:52:00 [ leggi altri commenti di Roberto Maggiani » ]

Molto belle, mi sembra di trovare, nello spazio di poche poesie, un mondo che si anima e si dilata, in efficaci pennellate, riesci a ravvivare un mondo di solitudine in un mondo pieno di affetti: sembri dire che non è vero che siamo soli, mai, le cose stesse sono investite dalla ricchezza degli affetti di chi le usa, affetti che riemergono dalle cose stesse, testimoni delle nostre azioni quotidiane, le rendono importanti solenni.

 Wolf - 03/03/2009 19:33:00 [ leggi altri commenti di Wolf » ]

Che bello, semplice, caldo, originale!
Spero di leggere altre tue cose!
w

 Maria Musik - 03/03/2009 18:22:00 [ leggi altri commenti di Maria Musik » ]

Tutti i testi mi sono molto piaciuti sia per l’efficacia che per la ricchezza lessicale.
Se posso esprimere una preferenza, mi hanno colpito "Lo specchio" ed "Il cuscino". Mi hanno molto colpita perchè celano contenuti e problematiche profonde ed attuali.

 Alessio Romano - 03/03/2009 13:12:00 [ leggi altri commenti di Alessio Romano » ]

Una bella raccolta, che non annoia ma sorprende trattenendo il lettore nella giocondità forse involontaria delle frasi, giocondità proveniente dall’inverosimiglianza di alcune parti del costrutto, ovvero delle metafore che nella loro originalità spontanea mi hanno fatto pensare alla vivida tinta di Baudelaire, ed altri. A me, è piaciuto il tutto.