Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - IV edizione (2018)
Leggi il bando di concorso | Raccolta Fondi
 

Collana di eBook a cura di Giuliano Brenna e Roberto Maggiani

« ultimo pubblicato prec » « suc primo pubblicato »

eBook n. 45 :: All’orza. Poesie 2005-2007, di Roberto R. Corsi
LaRecherche.it [Poesia]

Invia questo eBook al tuo Kindle o a quello di un amico »

Proponi questo libro ad uno o più lettori: invia il collegamento all'eBook
http://www.larecherche.it/librolibero_ebook.asp?Id=48

Formato PDF - 1 MByte
Scarica/apri/leggi [download] »
Aperto/scaricato 1861 volte

Formato EPUB - 235 KByte
Scarica/apri/leggi [download] »
Aperto/scaricato 135 volte


Downloads totali: 1,#QNAN
Ultimo download:
15/12/2017 18:31:00
Data di pubblicazione:
01/06/2010 12:00:00
 
Notizie sull'eBook
(per fermare lo scorrimento posizionarsi con il mouse sulla zona gialla):
Questo eBook è segnalato su Retroguardia 2.0 - Il testo letterario, quaderno elettronico di critica letteraria a cura di Francesco Sasso e Giuseppe Panella: MOSTRI MARINI IN AVVISTAMENTO. Note sulla poesia di Roberto Corsi. Saggio di Giuseppe Panella: Leggi »
 

# 20 commenti a questo e-book [ scrivi il tuo commento ]

 Roberto Maggiani - 15/06/2010 12:57:00 [ leggi altri commenti di Roberto Maggiani » ]

Mi pare di poter dire che la bellezza di questa raccolta scaturisca proprio da quella che sembra essere un’apparente “complicanza” nella costruzione del testo (già il titolo mette nella disposizione di una navigazione in qualche modo contraria alla direzione del “vento”: “…navigare con la prora orientata verso la direzione dalla quale spira il vento.”…una navigazione poetica quindi che va contro...), dal quale fluisce invece, ad una lettura condotta con la giusta attenzione, come la poesia richiede, un’armonia lineare di senso, fondata su costruzioni premurose dei versi, cesellati nei minimi particolari, nella scelta (fatto non scontato per un poeta) delle parole, adatte sia nel significato che nel suono in relazione al significato che nell’intreccio dei sensi. La lettura è completamente piacevole anche solo immergendosi nella “voce” dei lemmi e nel loro ritmarsi, mai stonato – nell’insieme si può ben dire che “All’orza” è una sinfonia.

Andando a indagare il senso della scrittura di Corsi, si rileva una attenta analisi del reale che scaturisce da intelligenza e cuore. Anche nelle sue descrizioni emotive, Corsi, non si lascia andare a facili sentimentalismi o giochi retorici, ma anzi sostiene il discorso con serietà e senza esitazione.
Sa perfettamente scegliere, o creare, il luogo dove condurre il proprio concerto poetico, così bene che in conclusione di ogni singolo testo, come di un’intera sezione, – proprio per la perfezione dell’acustica della stanza entro la quale conduce il suo concerto – risuonano, nel lettore attento, piacevoli armoniche che persistono fino a smorzarsi in necessarie meditazioni. La ricchezza e la forza descrittiva della lingua di Corsi, sono, a mio avviso, insieme alle originali modalità di proposta e trattazione dei temi, la forza trainante di questa bellissima raccolta.

Sono molti i testi che mi hanno colpito per la bellezza, anche formale, ma cito soltanto “erosione”:

Fluisce, irrompe
il mare sulla sabbia
che fu miracolo
mare tanto imboccato
a ciottoli, come antica fontana
cui votare il ritorno
quel che è peggio, fluisce
sulla cinica fronte
scolmata dalle rughe l’abbandono.

 Mariella Bettarini - 13/06/2010 18:23:00 [ leggi altri commenti di Mariella Bettarini » ]

Caro Roberto,
ho letto con grande piacere ed emozione questo tuo corposo/corporeo eppur ventilato/ventoso e-book. fatto di Fiorenza e d’acqua, di terra e di mare, di Cataloghi di "madamine" e di strade ben note eppure misteriche (come quasi tutte queste "nello spugnoso ventre di Firenze"), di turgido/scherzevole amore e tuttavia (ed anche) di morte (toccante la "camera ardente di Mario Luzi), così che davvero "il secolo pian piano ci bianchetta.Tutti. Figli, figli dei figli", così che si deve apprendere a "bianchettare i profili, castrarsi dei propri desideri", mentre - tuttavia - si ammirano/amano/contemplano/ascoltano opere d’ingegno, d’arte: pittura, scultura, poesia, filosofia, musica, che pienamente intridono questi tuoi "culti" ed insieme levissimi versi, questo verseggiare "pallido e assorto" (ch’è anche un poco un "meriggiare", infine...)
Caro Roberto, scusa queste brevi, rapsodiche, e tuttavia non casuali, mie "note di lettura: una lettura spero non "indegna" del tuo lavorare in versi, del tuo maraviglioso, anche talora "classico", "gioco serio al pari di un lavoro", spero non "indegna" delle tue assidue interrogazioni, dei tuoi rovelli, dei tuoi sogni, del tuo veleggiare col vento...
Un augurio grande e sentito, dunque, per questa tua raccolta, e davvero complimenti di cuore, insieme ad un sentito saluto da parte dell’amica Mariella

 Loredana Savelli - 07/06/2010 16:51:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

Mi hanno colpito per l’efficacia e la rapidità espressiva le quartine per le stagioni. Scopro un linguaggio prezioso, che dà voce ad una poetica un po’ disincantata verso l’umano e contemporaneamente ad una fascinazione indicibile per il mare.

 Marco Giampieri - 07/06/2010 15:58:00 [ leggi altri commenti di Marco Giampieri » ]

Non so perché, ma leggendo le tue poesie mi è tornata in mente una bellissima canzone di Ivano Fossati, che dice “io conosco la mia vita ed ho visto il mare”, che lega in modo quasi definitivo l’esperienza del mare e la conoscenza (e la ricerca) profonda dell’essere. Non a caso di questa tua nuova raccolta ho letto con – posso dirlo? - una certa commozione, thalassa e Foce del Cinquale, dove caducità e bellezza sembrano indivisibili. Non voglio ora farti una critica, che come sai non è neanche alla mia portata, ma dirti che questo tuo navigare nella preziosità della lingua mantiene sempre una fierezza ed una eleganza che l’asprezza della realtà e un po’ di disincanto non riescono a scalfire. Del resto la bassa stagione è non solo un fatto meteorologico, ma qualcosa che, abbassando la luce, rende colori e distanze meno verosimili, fino a quel mare oltre che è il nostro mistero.
Marco

 Roberto R. Corsi - 06/06/2010 22:09:00 [ leggi altri commenti di Roberto R. Corsi » ]

Gentili Emanuele e Fiammetta,
["rispondo" da qui perché non avete lasciato le vostre email],
grazie per i vostri commenti, intanto, sempre benvenuti.

mi piacerebbe discutere sulla portata di varie "grandezze" [letteratura, farsi capire, qualcosa che manca, inganno] che avete tirato in ballo, ma penso che sarei tediante assai più che, a quanto pare, i miei versi :-)

Mi limito a porre questo quesito: se io, invece che a "farmi capire", puntassi a sfidarvi?
chi dice poi che, in poesia, l’interpretazione lecita è quella autentica, lo scavo alla ricerca di "ciò che io intendevo dire" e non quella che risulta dall’incontro tra due esperienze in cui il punto di arrivo non necessariamente coincide con quello di partenza?
Nel mio infinitamente piccolo, credo che questo sia il principio fondante di ogni operazione poetica. E anche il principio di economicità, o se volete il rasoio di Occam: Genera non sunt multiplicanda sine necessitate...
Cioè: se volessi farmi perfettamente capire e non aprire la strada in qualche parte alla doppia o plurima interpretazione, farei narrativa come l’ottimo Fruttero.

Tutto questo, naturalmente, a valle del dato "mi piace/non mi piace", che è primario, ingovernabile, e che pertiene alle sensibilità di ciascuno di noi. (e mi dolgo in caso della seconda opzione)

[O no? se volete ne discutiamo in privato - infoATrobertocorsiDOTcom]

RRC

PS con buona pace di Carducci e Sinone, non sono una celebrità e l’ebook è esente da virus ;-)

 Fiammetta Lucattini - 06/06/2010 21:36:00 [ leggi altri commenti di Fiammetta Lucattini » ]

L’inganno è nel cavallo che gli ignari troiani trascinano festanti entro le mura.

 Emanuele Di Marco - 06/06/2010 21:34:00 [ leggi altri commenti di Emanuele Di Marco » ]

"E so legger di greco e di latino,
e scrivo e scrivo, e ho molte altre virtù
[...]"


Se, come ho appena sentito dalle labbra dell’ineffabile Fruttero (cito grossolanamente) "fare letteratura è la capacità di farsi capire [...]" qui manca qualcosa...
Parlo da profano, ovviamente...

 annalisa macchia - 05/06/2010 23:38:00 [ leggi altri commenti di annalisa macchia » ]

Ho salvato un albero e solo questo meriterebbe un complimento. Il tuo viaggio - come ha ragione Franca Alaimo nel ritrovare Dante nei tuoi versi - è giocato su più fronti, ansiosamente in bilico tra il sublime e una, talvolta non sempre nobile, umana concretezza. Però, come il titolo preannuncia, è anche una corsa sul tuo amato mare.
Si veleggia tra onde, venti, musiche (sirene?); tra ondeggiamenti e tempeste un io poetico si erge a più riprese, proteso verso una meta che vale ogni fatica. Questa l’immagine rimasta impressa dopo la prima lettura. Anche la terra, Firenze in particolare, pare essere scorta dal binocolo, inquadrata da lontano in piccoli occhi rotondi, fuoco del tuo sguardo,tue personalissime proiezioni.
Il linguaggio, oscillante tra un registro ricercato, colto, tecnologico, con qualche "toccata e fuga" sul popolare, si adatta bene a questo viaggiare per mare, ma con occhi puntati ora a terra, ora al cielo.
Fra un po’ di tempo, forse, queste prime impressioni prenderanno altre forme, ma a me le forme del mare sembrano tutte affascinanti. Buon approdo. Annalisa

 alessandra paganardi - 04/06/2010 20:27:00 [ leggi altri commenti di alessandra paganardi » ]

Se nell’ "Indegnità a succedere" il tempo era compagno e nemico, fantasma e ostacolo, in questa nuova raccolta (generosamente offerta su web per scelta forte e netta di condivisione poetica) il tempo si fa mare.Abbandonarsi ad esso significa sconfiggerlo, superarlo attraverso la parola poetica, così come si supera nella saggezza vera il vacuo desiderio di una felicità soltanto effimera. Allora la morte diviene formula innocua,cui siamo stati come mitridatizzati dalla frequentazione di una parola alta e coraggiosa; e i "fidanzati d’argento" possono ancora guardarsi in uno spazio non museale, sottratto alla noia e all’incomunicabilità. Il porto, come il varco montaliano, non c’è; forse neppure la poesia può salvarci; eppure il profondo senso religioso che permea questi versi - in cui fortissima è l’identificazione fra luoghi e figure, fra geografie interiori e concrete umanità svolgentesi nella Storia - sorregge, conforta, trascina. E l’eternità è quello stesso mare visto da una prospettiva diversa, purificata e pacificata: il "grandangolo" da cui la vita, proprio in quanto accolta nel suo incessante fluire, può essere infine acchiappata e trasformata dalla mente carnale, emotivamente aperta al mondo di questo poeta. Alessandra Paganardi.

 narda fattori - 03/06/2010 18:38:00 [ leggi altri commenti di narda fattori » ]

Un’opera di poesia bifronte: da una parte attacca il quotidiano mettendo a nudo le sue devastazioni, dall’altra si appella a immagini del passato per riproiettare sul presente l’assenza di speranza della bellezza, caduca e infida. La complessità delle tematiche affrontate, che percorrono l’esperienza umana dalla sua sorgente al suo inesistente approdo, sì che si può dire di Cristo come di un competente salumiere, ogni salvezza mercificata; conduce il poeta davanti ad una creazione sfaccettata , poliedrica e contemporaneamente, mi si passi l’ossimoro, univoca solamente nelle caratteristiche dell’abbaglio, dell’imperfezione, della necessaria illusione che appartengono al singolo come ai tanti e l’identità non sacralizza nessuno , tantomeno i poeti. Ci sono qua e là disseminate delle poesie con versi fulminanti, distici che aprono come un bisturi l’intelligenza, e insiemi a una forte vena raziocinante e riflessiva che rende il verso pesante. Mai però non appassionato. Credo che risponda ad un bisogno di Corsi la divagazione che riporta a tema, il basso che si confronta con l’alto e non ne esce perdente, la cultura che non è qui sfoggio ma leva, strumento di lettura, lente d’ingrandimento. Per una più accurata analisi rimando alla lettura della postfazione dove vengono passate al vaglio critico testi -chiave, quasi il filo che indirizza il lettura.

 Franca Alaimo - 03/06/2010 18:24:00 [ leggi altri commenti di Franca Alaimo » ]

Del libro di Roberto Corsi mi piace, innanzitutto, il registro lessicale tanto mescidato, emblema, come sottolinea in postfazione Panella, del dissidio tra sorte eletta e soluzione abietta, tra terrestrità e sublimità, che mi fa pensare allo stile anch’esso emblematico della "Comoedia" dantesca.
A Dante, di fatto, rimandano molti elementi, a cominciare dall’idea del viaggio ( ma questo del Corsi all’orza e non all’Empireo, per evidente naufragio, oggi, del senso stesso del viaggio terreno), ma con in mente, come pure per l’altro fiorentino, la città di Firenze ed il suo stato di città-simbolo dei tempi, corrotti allora ed adesso, ma anche città dell’affettività intensa, ( lei e l’autore quasi per celia definiti "due burberi fidanzati d’argento" ) dove è possibile ancora incrociare qualche Beatrice, che nella Vita Nuova è l’angiolella di Dio, mentre nella poesia "Una Beatrice" di Corsi diventa (così almeno io la leggo) l’unica possibile annunciatrice di beltà che possa darsi all’uomo d’oggi, se accolta intimamente, cioè la Poesia. Basta leggerne i versi per trovare in il silenzio, il riguardo, il non-oracolo, l’avvenenza, quelle che sono le qualità stesse della poesia dell’autore Corsi. Altrove è dato cogliere questa poetica del dire poetico che si confonde con quello dell’uomo ordinario, in seguito a quello "svuotamento della forza centrifuga" e scavalcamento del fattore emozionale e sentimentale che partoriscono, infatti, versi fermi e talvolta gelidi come marmi, se non li percorresse un certo "segreto tremore", come quando viene messa in campo la morte, in tempi recenti, del poeta Mario Luzi, il corpo composto con "posa di Gregor Samsa", e quella remota del padre di Leonardo Da Vinci, annotata con dolore "piccolo, burocratico" sul Codice Arundel.
Firenze, mentre si naviga all’orza, distante dalla terra, viene ripercorsa nel ricordo: strade, piazze, musei, amori ed amici,ma come in un’asciuttezza d’addio, da spettatore che ormai, come si legge nella citazione, così "voluta", immagino, da Cioran, è restio "alla farsa unanime" perché "ha recepito una realtà nascosta a tutti" e, se sembra agire come gli altri, lo fa, perché "barare" diventa solo "una questione d’onore".
Corsi è certamente un poeta che intride ogni verso della sua vasta cultura, così che questa sua poesia, che vuole essere ed è senza orpelli, tuttavia sazia il lettore di interminabili rimandi, e lo costringe a mettere in campo, se vuole comprendere, tutta una mappatura di simboli,la cui chiave può aprire i testi,solo a patto di possederli.

 Roberto R. Corsi - 03/06/2010 10:59:00 [ leggi altri commenti di Roberto R. Corsi » ]

ringrazio per questa generosa prima tranche di commenti, in particolare (primi inter pares) gli amici-Autori che non avevo ancora avuto il piacere di conoscere: ogni tonalità della vostra attenzione e percezione è preziosa. RRC

 Eugenio Nastasi - 03/06/2010 09:36:00 [ leggi altri commenti di Eugenio Nastasi » ]

Il tentativo che compie Roberto R. Corsi con questa raccolta poetica è un transito, certamente voluto e consapevole, tra le mangrovie della vita quotidiana e della storia cercando di decrittarne il senso attraverso una versificazione ricercatissima e, a tratti, paradassole. Gli è che Corsi, avendo certificato che sovente si è senza esistere, trascina il tempo stesso nel suo irrequieto consistere per ridare all’esistere la dote dell’essere.Da qui la sua poesia, carica di voglia definitoria, attinge stilisticamente a tutto il repertorio culturale di cui egli è testimone, per asseverare che quel "centro non esiste, il centro è in ogni luogo" come scriveva l’autore di "Zarathustra" (e qui ringrazio il suggerimento dell’amico De Marchi-Gherini). Ecco allora un corollario di emblemi desunti da siti fiorentini, da quadri e sculture celebri, da fatti personali, in una navigazione "All’Orza" in cerca di una scia fulgente che induca a proiettarsi ovunque per bruciare le distanze che separano Corsi e noi dalla consapevolezza di restare uomini.
Ma è la musica la musa più incline, la sua Athena più prossima. Ed è come inseguire una cometa di note per immergersi in una realtà in continua oscillazione, con un misuratore che muta "per caso o per intenzione". Due dritte spulciate dagli spartiti più provocatori "similitudini dello sciame" e "reparti difensivi" con una referenzialità metaforica davvero ammirevole.
Panella al meglio della sua indagine critica, riscrive in puntuale accerchiamento, le sagome dei "mostri marini" che Corsi intravede nel bluprofondo e poi annota in veste di provetto skipper.

 leopoldo attolico - 03/06/2010 08:18:00 [ leggi altri commenti di leopoldo attolico » ]

Questo procedere spesso per paradigmi , per clausole definitorie di volta in volta emblemi di un destino, di un personaggio, di un’atmosfera , costituiscono una trama capace di "chiamare" il lettore , di non farlo stancare mai . Mi sembra notevole la gestione dell’"io" che si apre all’"Altro", al Mondo, rendendosene compartecipe e interprete responsabile ; attento a chiamare per nome il sentimento , i suoi prodromi e i suoi esiti con bella proprietà metaforica a volte favolistica a volte sospesa in una condizione intrigante di "latenza" che prelude sempre ad un incontro gratificante con l’oggetto della poesia e col suo comunicare .

 Massimo Seriacopi - 02/06/2010 17:34:00 [ leggi altri commenti di Massimo Seriacopi » ]

Caro Roberto, resto molto positivamente colpito dalla nobilissima ricerca formale e dalla fuga dalla banalità che sono presenti in questo tuo laboratorio poetico. Complimenti, si vede che hai raggiunto importanti tappe e che ti proietti ancora verso una sperimentazione che potrà essere molto fertile. Massimo Seriacopi

 Liliana Ugolini - 02/06/2010 05:08:00 [ leggi altri commenti di Liliana Ugolini » ]

Caro Roberto R. Inconfondile il tuo stile. Disincanto e bellezza, misura e taglio, osservazione e critica si alternano in cedimenti carnali e percezioni sublimi. Un " tutto" nella piacevolezza d’una scrittura " particolare" dove si avverte la conoscenza curiosa, l’entrare nelle cose e nelle persone con un sentire accogliente, severo e selettivo. L’eleganza è l’elemento cardine, sia nella costruzione che nella parola, essenza, questa, della tua complessità. Quest’ " ORZA" ( una bolla fuori tempo) sta al quotidiano ( contemporaneamente) vissuta nella dicotomia poetica. Come sai apprezzo la forma e il senso del tuo scrivere che mi è congeniale. Le sottolineature di altre voci completano l’elemento libro. Grazie per la lettura e per il dono che estendo alla Recherche per la scelta dell’autore.

 antonio de marchi-gherini - 01/06/2010 23:30:00 [ leggi altri commenti di antonio de marchi-gherini » ]

Tira aria di enfasi esistenziale con qualche sentore di nichilismo nicciano; mi si intenda: questa é una poesia speculare al vivere di oggi. Un’opera al ’nero’ dove gli sprazzi di luce non riescono a lenire il male di vivere che ci ottunde.
Pare d’essere tornati agli anni ’luminosi’ dell’esistenzialismo di Sartre o alle più ’pacate’ riflessioni di un Bernanos de ’Il dialogo delle Carmelitane’.
La Firenze che ci appare é quella verdeombra dell’Arno placido e melmoso che scorre sotto Ponte Vecchio.E comunque la citazione di Cioran in esergo é emblematica di tutto il costrutto poetico, radicato in un pessimismo elegante e aforistico che salva e tiene insieme la raccolta.

 uskaralis07 - 01/06/2010 23:15:00 [ leggi altri commenti di uskaralis07 » ]

Roger...passo alla lettura non appena mi riesce di poggiare.Grazie. Franco Seculin

 Marion Lignana Rosenberg - 01/06/2010 21:10:00 [ leggi altri commenti di Marion Lignana Rosenberg » ]

Grazie, Herr Corsi! Ne faccio tesoro, e mi metto subito a leggere. (E poi, m*rde à la puissance treize, Hals- und Beinbruch, ecc.)

 Maria Pia Moschini - 01/06/2010 20:48:00 [ leggi altri commenti di Maria Pia Moschini » ]

caro Roberto R: il libro è unico e molto speciale. Per te scrivere è come comporre un’armonia anche quando scrivi una lettera. La tua natura è musicale e profonda, riesci sempre a conciliare il pensiero con il sentimento dell’esistere. E questo è dei grandi poeti. Complimenti. Maria Pia Moachini