Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Avviso importante riguardo ai commenti
Proust N.7 - Il profumo del tempo (scarica/leggi)
 

Collana di eBook a cura di Giuliano Brenna e Roberto Maggiani

« ultimo pubblicato prec » « suc primo pubblicato »

eBook n. 93 :: Il maestro del caduceo, di Magda Vigilante
LaRecherche.it [Racconto]

Invia questo eBook al tuo Kindle o a quello di un amico »

Proponi questo libro ad uno o più lettori: invia il collegamento all'eBook
http://www.larecherche.it/librolibero_ebook.asp?Id=96

Formato PDF - 1 MByte
Scarica/apri/leggi [download] »
Aperto/scaricato 602 volte



Downloads totali: 603
Ultimo download:
20/08/2017 07:57:00
Data di pubblicazione:
26/11/2011 12:00:00
 
 

# 3 commenti a questo e-book [ scrivi il tuo commento ]

 Marina Tinto - 26/01/2012 08:03:00 [ leggi altri commenti di Marina Tinto » ]

Complimenti a Magda Vigilante!Il suo lungo racconto mi è piaciuto moltissimo con le sue atmosfere magiche e sensuali.

Marina Tinto

 Stefano Sabattini - 29/11/2011 11:33:00 [ leggi altri commenti di Stefano Sabattini » ]

Dopo aver letto questo raconto mi sono sentito un pò meglio. Rivolgo un ringraziamento all’autrice, e mi permetto di laciare un commento proprio perchè l’ho letto d’un fiato. Il racconto si potrebbe anche considerare come un intreccio su più piani. I due protagonisti si avvicinano e si allontanano, e poi si incontrano e si riallontanano, come i serpenti del simbolo, il tutto lungo un asse temporale ben scandito e riferimenti precisi allo spazio, il luogo, la città, le fontane, i cortili, che potrebbero essete il bastone armonizzante del caduceo. Con loro si intrecciano due generi narrativi, uno realistico, se posso dire così, minimalista, ben radicato nella terra, e negli argomenti reali del quotidiano, e l’altro colto, intellettuale, erudito, esoterico, fantastico. Il racconto ha la capacità di toccare molti temi, alcuni sono molto culturali, altri sono molto concreti, corredati con precise descrizioni di dinamiche psicologiche. Tra questi ultimi si affronta un tema molto sottile, e delicato che è quello dell’arrivo di un figlio in una coppia. Avvenimento certo desiderato, ma che comporta moltissime conseguenze. Alcune qualcosa, tanto, danno e qualcune qualcosa anche tolgono, un argomento che trascina con sè sensi di colpa e rimozioni, desideri e rinuncie del quale è bene parlare. Tra questi sentimenti, il desiderio di fuga in un altro luogo, anche un cortile antico della città, e in un altro tempo, il cinquecento allegorico e sibolico, il novecento poetico, un tempo ritrovato dove possono coabitare le contraddizioni e i doveri del quotiano, con l’anelito alla libertà del proprio cuore. Un tempo e uno spazio altro, ma vivo e presente se lo si sente, come è lo spazio della scrittura, una realtà ulteriore come la descriveva Mandel’stam nella quarta prosa, dove si può ricercare un simbolo su un’architrave per una giornata, per una vita, anche se non si sa, nè mai si saprà, se questo poi davvero c’è, o se non si vive altro che uno spreco. In tutti casi i questa ricerca, fa vivere, porta desiderio, incontro, azione reale, concreta, alla protagonista, una conquistata consapevolezza, trammite la disillusione e l’illuminazione, per mezzo di un libraio gnomo, sapiente e messagero, e, vistop che l’autrice assegna anche un profilo ben concreto alla sua storia e ai suoi personaggi un nuovo lavoro. Al lettore un cambiamento del respiro, poichè lo stato d’animo è stato riscaldato, da una parola viva e buona. Così il racconto coinvolge il lettore e gli fornisce una riflessione, per mezzo dell’immagine, dell’allegoria, sull’essenza di un’attività umana antica e fondamentale, comune a tutti i popoli e a tutti le epoche, conosciute e sconosciute, a tuti gli umani, quali che siano le loro culture e la loro personale preparazione, che per ogniuno è così diversa e per tutti è sempre valida, così come gli antichi simboli cui il caduceo è parte, l’azione umana della scrittura.

 Lidia Are Caverni - 26/11/2011 20:32:00 [ leggi altri commenti di Lidia Are Caverni » ]

Guido entra nella vita di Mara in un periodo in cui la consuetudine della giovane donna appare densa di grigiore e di abbattimento stravolgendo gli affetti e l’avvolge in un gioco in cui il mistero e il banale si intersecano.
Infine il banale si rivela in tutta la sua crudezza e Mara inizia una nuova ricerca che la indurrà al pieno possesso del proprio sé e di chi fa parte della sua vita.
L’autrice accompagna la protagonista nello svolgimento delle sue vicende
che non sono poi eclatanti quanto nell’analisi approfondita della sua emotività e del suo tenersi ancorata al senso di realtà anche attraverso le sue disillusioni.