Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1207 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Dec 8 19:28:34 UTC+0100 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Una storia cattiva

di Giuseppe Bisegna
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 19/04/2008


Accadde che Giulia, fosse molto invidiosa della bellezza della sua compagna universitaria Grazia e del fatto che ella potesse essere felice con un ragazzo, tale Michelangelo.
Giulia, aveva un’ antipatia innata verso Michelangelo, un sentimento senza una razionale spiegazione, in fondo si conoscevano poco, giusto perché frequentavano alcuni corsi insieme, e screzi tra loro non ve ne erano mai stati, quindi non vi erano motivi all’astio che la ragazza aveva verso il ragazzo.
Michelangelo corteggiava Grazia come meglio gli riusciva, era un po’ maldestro, questo ad onor del vero bisogna dirlo, ma spontaneo e a quella ragazza gli voleva davvero un gran bene.
Grazia era sfuggevole, chiusa nelle sue paure e nei postumi, non ancora pienamente smaltiti, di una passione andata a male, ed in effetti, ancora intorpidita da sentimenti scaduti, aveva paura che potesse nascere qualcosa di serio tra lei e Michelangelo, più di una volta aveva detto che sbagliava a non accettare le attenzioni del ragazzo, ma sbagliava sapendo di sbagliare, perché secondo lei in quel momento della sua vita doveva andare così.
Di questi ragionamenti illogici, tipici delle donne, Michelangelo non se ne curava più di tanto e continuava ad insistere, a cercare di essere sempre presente nella vita di Grazia, a fare il buffone insomma, perché in certe situazioni gli uomini sono dei pagliacci e rivederli con gli occhiali del tempo procura una gran pena.
Giulia era al corrente delle paure e dei dubbi di Grazia, in quanto questa le si confidava spesso e sapeva come ben sfruttarli a suo piacimento, per soddisfare quel suo desiderio di controllo su una relazione a lei estranea. Molte donne hanno questa perversione, cioè quella di interessarsi morbosamente alle storie e ai sentimenti altrui e di gestirli, di averne parte in causa, Giulia era una di queste.
Cominciò a far leva sulle paure, a mettere in giro strane voci su Michelangelo, a dipingerlo, agli occhi dell’ignara Grazia, come un volgarotto, come un nulla di buono ecc. ogni occasione sconveniente era buona per portare sulla bocca Michelangelo.
Grazia, per sua natura ingenua ed insicura, cominciò a dare credito alle voci che man mano si diffondevano e di conseguenza cominciò ad allontanarsi, per quel poco che si era avvicinata, da Michelangelo.
Passo tempo e Grazia si fidanzò con un tipo che la apprezzava solo per la sua dote fisica e a parte i momenti “fisici”, la trascurava e non la calcolava per quello che davvero valeva.
Passarono degli anni e al dito di Grazia ci fu una fede nuziale, passarono ancora altri anni e la donna cominciò a trasandarsi, a sentirsi disillusa, i sogni da ragazza, al tempo dell’università, non si erano avverati, si ritrovava a fare la casalinga, moglie di un avvocato, insoddisfatta passava tutto il giorno in casa con le sue antiche paure, che ogni tanto, e questa cosa non gli era mai successa, assumevano la forma del rimorso.
Una mattina allo specchio si accorse di avere delle rughe, le contò, di giorno in giorno continuò a contarle, aumentavano, stava invecchiando nella sua casa, tra le sue cose, tra le sue paure.
A forza di mangiare cibi congelati, il suo giovane vecchio cuore si congelò a sua volta e divenne duro come un sasso.
Un giorno come tanti, uguale a quello prima e uguale a quello dopo, frugando tra le nostalgie e i sogni impolverati, ritrovò un vecchio libro di poesie che anni e anni addietro gli aveva regalato Michelangelo, dapprima si chiese anche chi fosse quello sconosciuto, che nell’interno della copertina gualcita gli scriveva quella dedica, cosi carica di sentimento schietto e sincero, poi d’improvviso, come una ventata tornarono i ricordi, le parole, gli sguardi, i sorrisi e forse qualcosa di più.
Ma ormai era troppo tardi, la vampata di calore che la colse gli squagliò il cuore di ghiaccio e senza dolore si accasciò a terra.
Giulia non poté recarsi al funerale della sua cara amica, perché talmente invecchiata, pure lei, e obesa da non potersi muovere, rimase tra le sue tele e la sua collezione di quadri, come aveva sempre fatto.
Di Michelangelo si dice che qualcuno lo abbia visto da lontano mentre calavano la bara nel loculo, con la faccia serena, rilassata, e fin troppo giovane per l’età che dovrebbe avere.

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Giuseppe Bisegna, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Giuseppe Bisegna, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Un po’ incerto solo il cielo (Pubblicato il 19/05/2016 21:05:19 - visite: 752) »

:: Del santo e dell’albero di ciliegie (Pubblicato il 04/07/2015 11:08:44 - visite: 703) »

:: Il coraggio (Pubblicato il 14/07/2014 13:30:48 - visite: 871) »

:: Di un album di figurine o del tram n.8 (Pubblicato il 25/03/2014 00:32:59 - visite: 958) »

:: Di un metro, del cosmo e del riso soffiato. (Pubblicato il 12/12/2013 13:03:17 - visite: 1027) »

:: Dell’anima, del vuoto e del pieno (Pubblicato il 05/03/2013 13:39:10 - visite: 1058) »

:: Del tempo e del denaro (Pubblicato il 18/11/2012 00:20:17 - visite: 1087) »

:: Microricordo 3 (Pubblicato il 19/10/2012 23:50:38 - visite: 1044) »

:: Microricordo 4 (Pubblicato il 06/07/2012 12:19:21 - visite: 937) »

:: Il vizio (Pubblicato il 05/04/2012 15:37:10 - visite: 1017) »