Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Arte e scienza: quale rapporto? [L’arte e la scienza in 72 autori | e-book n. 239]
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Pensieri
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1975 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Feb 22 17:21:42 UTC+0100 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Alcune riflessioni su “Nuovo Cinema Paradiso”

di Angela Caruso
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i pensieri dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 06/02/2013 23:38:30

Alcune riflessioni su “Nuovo Cinema Paradiso”

            Ho rivisto dopo alcuni anni il film di Tornatore “Nuovo Cinema Paradiso” e questo mi ha colpito e coinvolto profondamente, come se lo vedessi per la prima volta. Scene, dialoghi, musica ed eventi già noti si succedevano ad immagini, parole e situazioni dimenticate o quasi del tutto nuove, che ripescavo dal limbo della mia memoria con sorpresa, meraviglia e piacere insieme. È come se le emozioni suscitate dalla visione di questo capolavoro cadessero via via su un terreno vecchio, ma nuovo allo stesso tempo: un’altra persona, rispetto a prima, che “gusta” con una nuova percezione cose antiche.

            L’attenzione (e l’amore) alla nostra terra, ma soprattutto ai siciliani che la abitano o non, ma che la “onorano” sempre, mi portano a fare alcune riflessioni.

            Innanzitutto, la precisazione che Tornatore con questo film si rivela un grande Artista: un poeta della pellicola, che si serve del linguaggio cinematografico per esaltare sentimenti universali, che superano dimensioni cronologiche e spaziali, ma che si connotano, altresì, come appartenenti al tempo e allo spazio dell’Autore, cioè alla nostra Sicilia, a quel triste-grande momento del dopoguerra e del boom economico degli anni successivi. Riconosciamo la realtà storica ed umana della nostra terra: la tragedia dei dispersi di guerra, l’endemica disoccupazione, la povertà, insieme ai potenti sentimenti della solidarietà e dell’amore, alla semplicità dei modi e alla gioia di vivere, alla genuinità dei bimbi e dei “semplici”.

            E poi, l’originalità del soggetto, la bellezza di un legame indissolubile tra un uomo senza figli e un figlio senza padre, la purezza e la fedeltà al primo amore giovanile, la fuga dalla propria terra maledetta, lo struggente ritorno e la dolorosa “ricerca del tempo perduto”, l’ironico dispetto della scena finale.

            Ci sono, qui, tutte le caratteristiche della letteratura siciliana: ritrovo l’asciutta narrazione di Verga, la lucidità di Sciascia, lo spirito di Bufalino, lo struggimento di Vittorini e di Quasimodo, l’eleganza di Consolo e l’ironia di Brancati, solo per citare i più noti, ma questo significa solo che Tornatore ha reso pienamente alcuni aspetti dell’identità siciliana che fanno della nostra isola una “metafora” del mondo intero. 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Angela Caruso, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Angela Caruso, nella sezione Pensieri, ha pubblicato anche:

:: Quasimodo parla ancora al cuore dei giovani? (Pubblicato il 22/06/2014 17:21:01 - visite: 905) »

:: “Molte sono le cose meravigliose, ma nessuna è più (Pubblicato il 20/06/2013 16:32:43 - visite: 1959) »