Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Una notte magica [ Magie e cunicoli spaziotemporali ], Aa. Vv.
Presentazione il 22 settembre 2019, ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 892 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Aug 22 11:43:08 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

LEGGERò DI TE

di Grazia Finocchiaro
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 28/10/2011 15:35:33


Adesso è distante quel profumo del tempo che asciugava le tue camicie al sole, da quando sei entrato a far parte dei Remoti.

 

Non siedi più tra noi a consumare giorni ma soavemente, Fratello caro, cristallino scivoli ai miei umidi occhi.

Correrei a perdifiato a saperti nella stanza della Vita cpsì che potessi darti la carezza che m’hai t'ho consegnato!

 Questa reminiscenza mi fa sobbalzare il petto e… la parola si ferma in gola, perché, pur se provassi ad urlare non potrei sfiorare neppure il tuo timpano opaco,  non un sussulto del cuore che potesse divenire parola da sussurrare, come in questo presente ... che mi giunge il tuo respiro e cullo la tua anima e porgo le mie mani…tutte e due, perché ancor più grande sia la carezza e ancor più forte la stretta al mio animo, adesso, pur nella tua evanescenza.

 

Sarà solo tempo di quiete quando tra nuvole - come cader della neve - si scioglieranno le tue parole

 

e lieve brezza - appena polvere al vento - le poserà alle mie pupille e leggerò di Te, la Vita che t’ha

 

separato dalle tue membra,  la Vita che avresti voluto respirare,  di qua ... dove il mio deserto

 

animo,  resta a sfiorare il Tuo alito.

 

**

 

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Grazia Finocchiaro, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia pe la collaborazione.