Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 2058 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Jun 15 21:03:09 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Ventisette Gennaio

di Loredana Savelli
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 11 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 27/01/2012 09:28:28

"Per i musicisti hanno sistemato delle panche nell’area dei crematori. Non ci sono leggii, dovremo suonare a memoria (…). Suoneremo per persone che ben presto saranno bruciate; ma da chi? E’ un mistero. Forse proprio da noi? Le autorità impongono ai musicisti tanti lavori che non hanno nulla a che fare con la musica (…). Il concerto durerà all’incirca due ore. Il programma prevede anche delle melodie ebraiche."

(Simon Laks 1991, p. 135)

 

 

 

Il cane abbaia con rabbia,

fanno eco altri rumori

a comporre un’armonia irreale

in questo tempo come una sinfonia non scritta.

Sembra la scena di un teatro miserabile,

una bocca senza denti.

 

Al termine la luce prende corpo,

la nostra recita diventa insignificante.

Il finale è inciso sulla porta.

Sembra quasi uno spartito.

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 11 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Loredana Savelli, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: L’odore dei tigli (Pubblicato il 13/06/2019 18:06:57 - visite: 59) »

:: Dipsacus (avere sete) (Pubblicato il 10/06/2019 11:05:10 - visite: 51) »

:: Citando Trilussa (Pubblicato il 06/05/2019 12:24:59 - visite: 78) »

:: Lo scoglio e il coniglio (Pubblicato il 02/05/2019 08:23:54 - visite: 89) »

:: Non si dovrebbe (Pubblicato il 08/04/2019 08:23:50 - visite: 102) »

:: Fine della poesia (Pubblicato il 06/04/2019 23:22:43 - visite: 110) »

:: senza titolo (Pubblicato il 29/03/2019 11:51:29 - visite: 84) »

:: se primavera (Pubblicato il 20/02/2019 19:42:34 - visite: 108) »

:: Shhh (Pubblicato il 19/02/2019 07:07:38 - visite: 133) »

:: Nel pro_fondo (Pubblicato il 08/02/2019 09:30:42 - visite: 173) »