Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1656 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Dec 10 15:32:13 UTC+0100 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Le parole di Papa Francesco - proposte per una umanità nuova

Argomento: Religione

di Giorgio Mancinelli
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 18/12/2014 18:50:21

“LE PAROLE DI PAPA FRANCESCO” – ed. Corriere della Sera dal 18 dicembre è in edicola”.

 

“Proposte per una umanità nuova”: (estratto dal primo volume dedicato al Natale) In una vignetta pubblicata recentemente, una bambina raccontava a una sua amichetta che per questo Natale aveva chiesto ai genitori che non le regalassero giocattoli ma «spirito natalizio» e che questi erano rimasti sconcertati, senza capire e senza sapere il da farsi. Il messaggio mi è sembrato molto acuto e ci pone davanti  la domanda: che cos’è lo spirito del Natale? L’impressione è che per rispondere bisognerebbe intraprendere una corsa a ostacoli, rappresentati da molti impedimenti, tra gli altri quelli che ci sono imposti dall’accelerato consumismo di fine d’anno. Ma la domanda resta. Nel corso del tempo, l’arte ha cercato di esprimerlo in mille modi ed è riuscita ad avvicinarci molto al significato di questo spirito natalizio. Quanti racconti di Natale ci offrono storie che ce lo avvicinano! I bellissimi racconti di Andersen, Tillich, Lenz, Böll, Dickens, Gorkij, Ham-sun, Hesse, Mann e tanti altri, sono riusciti ad aprire orizzonti di significazione che ci fanno addentrare su questa via di comprensione del mistero. Eppure, non sono sufficienti. E tuttavia, è proprio un racconto, un racconto storico, quello che ci apre le porte al reale significato dello «spirito natalizio». Un racconto semplice e preciso. Dice così: «In quei giorni un decreto di Cesare Augusto ordinò che si facesse il censimento di tutta la terra. Questo primo censimento fu fatto quando Quirinio era governatore della Siria. Tutti andavano a farsi censire, ciascuno nella propria città. Anche Giuseppe, dalla Galilea, dalla città di Nàzaret, salì in Giudea alla città di Davide chiamata Betlemme: egli apparteneva infatti alla casa e alla famiglia di Davide. Doveva farsi censire insieme a Maria, sua sposa che era incinta. Mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. Diede alla luce il suo figlio primogenito, lo avvolse in fasce e lo pose in una mangiatoia, perché per loro non c’era posto nell’alloggio» (Lc 2,1-7). Si tratta di un racconto storico, semplice e con un accentuato riferimento al cammino compiuto dal popolo d’Israele. Quando Dio scelse il suo popolo e iniziò a camminare con lui, gli fece una promessa: non gli vendette illusioni, ma seminò speranza nei loro cuori. Speranza in Lui, Dio che resta fedele perché non può smentire se stesso; diede al suo popolo questa speranza che non delude. Basati sul racconto appena citato, le parole di papa francesco noi cristiani sosteniamo che quella speranza si è consolidata. Si consolida e ci lancia verso il futuro, verso il momento dell’incontro definitivo. Lo «spirito natalizio» si manifesta così: promessa che genera speranza, si consolida in Gesù e si proietta, ancora come speranza, verso la seconda venuta del Signore. Il racconto citato continua con la narrazione della scena dei pastori, l’apparizione degli angeli e un cantico che è messaggio per tutti: «Gloria a Dio nel più alto dei cieli e sulla terra pace agli uomini, che egli ama». La speranza consolidata non indica soltanto il futuro, ma straripa nel presente stesso e si esprime in augurio di pace e fraternità universali che, per trasformarsi in realtà, devono radicarsi in tutti i nostri cuori. Ogni volta che leggo il racconto e contemplo la scena addentrandomi in quello spirito di speranza e pace, penso a tutti gli uomini e le donne, credenti e non credenti, che percorrono il cammino della vita e aprono sentieri a tante ricerche fatte di speranza o disperazione, e sgorga in me il desiderio di avvicinarmi, di augurare pace, molta pace, e anche di riceverla; pace di fratelli, perché tutti lo siamo, pace che costruisce. Augurare e ricevere quella pace che alla fine rende possibile, nel mezzo delle nebbie e delle notti, riconoscerci e ritrovarci come fratelli, riconoscerci nel nostro volto che ci riflette come creati a immagine di Dio. Sarà questo parte dello spirito natalizio che quella bambina della vignetta reclamava ai suoi genitori? Lettera pubblicata nel quotidiano «La Nación», 23 dicembre 2011 Piano dell’opera: Ogni volume monografico è dedicato a un aspetto della fede: Natale, Speranza, Desiderio, Educazione, Pace, Misericordia, Testimonianza, Popolo, Scelta, Perdono, Missione, Impegno, Fede, Vita, Umiltà, Pasqua, Presenza, Incontro, Cambiamento, Chiesa.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Giorgio Mancinelli, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Giorgio Mancinelli, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Società ] Un Brindisi dunque ... per questo Natale. (Pubblicato il 09/12/2019 15:28:10 - visite: 38) »

:: [ Cinema ] Cineuropa News - Al Cinema x il Cinema (Pubblicato il 05/12/2019 07:52:53 - visite: 56) »

:: [ Scienza ] Dialoghi Matematici -Auditorium Parco della Musica di Roma (Pubblicato il 30/11/2019 06:36:19 - visite: 45) »

:: [ Politica ] Bla, bla, bla … “In vino veritas”. (Pubblicato il 18/11/2019 08:10:28 - visite: 32) »

:: [ Musica ] A Ferrara con la Tower Jazz Composers Orchestra (Pubblicato il 12/11/2019 06:46:16 - visite: 76) »

:: [ Libri ] Momenti d’Autunno / 4 foglie, musica,castagne, vino e libri (Pubblicato il 30/10/2019 04:59:16 - visite: 59) »

:: [ Libri ] Momenti d’Autunno / 3 foglie, musica,castagne, vino e libri (Pubblicato il 23/10/2019 12:09:11 - visite: 63) »

:: [ Libri ] Momenti d’Autunno / 2 foglie, musica,castagne, vino e libri (Pubblicato il 18/10/2019 06:24:55 - visite: 76) »

:: [ Libri ] Momenti d’Autunno / 1 foglie, musica,castagne, vino e libri (Pubblicato il 18/10/2019 05:43:56 - visite: 110) »

:: [ Società ] Bla,bla,bla parole, parolacce, per non dire delle pentecane. (Pubblicato il 04/10/2019 08:40:48 - visite: 72) »