Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
PUBBLICATA LA CLASSIFICA FINALE | e-book del Premio | Interviste ai vincitori
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1128 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Apr 9 22:17:04 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

L’apocalisse del male

di Cinzia Marulli
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 13 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 13/02/2012 10:11:20

( Per il giorno della memoria - 27 gennaio 2012)

Non sono le ossa a lacerarmi il pensiero

ma gli sguardi persi dei miei fratelli

il rumore sordo del loro urlante silenzio

le rughe dei bambini emaciate del sorriso

Non sono le sbarre delle loro camicie

sporche a imbrattare le immagini

ma l’alito sfinito della loro nonvita

quelle loro spalle scese

costrette a portare un peso inaudito.

 

Il fumo si leva ancora alto

non è quello delle nostre case

calde, dei camini accesi con la gioia

intorno: è un fumo nero, nauseabondo

fatto di carni e di dolore

Ci sono le urla isteriche dei mostri

che tagliano l’aria satura di paura.

 

Tutti quei corpi ammucchiati

le ossa contro le ossa

quelle ossa sulle ossa

milioni di anime sospese nel tempo

sopra i loro cadaveri a guardare pietose

ciò che erano, a guardare tristi i loro

fratelli aguzzini.

 

E l’aria si smosse perché tutte quelle anime

sature di bene, ma ancora sanguinanti

avvolsero quei mostri, li abbracciarono,

li accarezzarono come fossero figli amati.

Il male cadde, cadde sotto la dolcezza del bene

cadde nella polvere

si sgretolò e divenne  polvere

anch’esso finché il vento,

lo portò con sé, lo disperse - granello a granello lo distrusse.

 

                                                                Cinzia Marulli Ramadori



« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 13 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Cinzia Marulli, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Ferite (Pubblicato il 15/10/2012 11:51:35 - visite: 877) »