Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANNIVERSARIO PROUST: 10 luglio 1871 - 10 luglio 2019
Una notte magica [ Magie e cunicoli spaziotemporali ], Aa. Vv.
Presentazione il 22 settembre 2019, ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1730 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Jun 18 20:57:59 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Caleidoscopio

di cristina bizzarri
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 15 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 21/03/2012 10:02:21


A Ville Turro ci sono molte case - la più lontana tra le querce
era quella che ci faceva più paura quando una sera tra le ortensie
lungo il viale ci abbiamo fatto un appostamento io e due compagni -
ma era tardi e le pasticche avevano già fatto la magia del silenzio.
Per il resto - anche nella mia - piccole sbarre in alto sulla finestrella
che potevi anche non vedere se non alzavi molto gli occhi
e poi la camere singola, spaziosa non dava adito a sospetti.

Acquattata sull’erba del giardino - a giugno profumava -
spiavo l’arrivo dei giovani dottori: la psichiatra liberava dal casco
i capelli lunghi e biondi scendendo dalla moto - lucido centauro
in nero, belle gambe fasciate in una nappa di gran pregio.
Facevo ritratti per passare il tempo - li ho ancora in una cartella: .
il viso lungo del giovane arrapato e dolce, il signor Giovanni
venuto su da Napoli per una depressione, gli occhi chiari
da Van Gogh del giovanotto sordomuto - e tanti altri.
Angela gentile comprava di nascostole pastiglie per la tosse
alla mamma bambina che ci si faceva e una volta è andata in coma -
infermieri in tumulto quella notte a trasportarla in fretta in ospedale.
Marta alta e saggia, che aveva troppi e forti mal di testa e la stanza fissa,
aspettava la sera l’innamorato dall’altra casa - quando lo stomaco
glielo permetteva la portava fuori, col permesso del caporeparto.

Le sere di giugno era bello uscire nel giardino – non mi faceva più paura.
Anche perché c’era un cancello tutto intorno, come un anello.
Venivi solo tu papà, sempre alle sei, ho fatto anche a te il ritratto:
il viso immensamente triste mascherato di finta calma - espiavi?
Eri fatto così, forse per questo le coronarie a un certo punto
non hanno retto, cinquanta giorni di ospedale ti hanno regalato
altri quindici anni. Venivi solo tu, alla mamma facevano impressione quelle sbarre,
la sorellina troppo giovane per non disprezzare inconsciamente
chi spreca così la vita in alienazione d’energia vitale. Un vero scempio.

Lui, il mio uomo era spaventato e aveva gridato TU COSA FAI QUI?
vedendomi seduta al bar a ridere e giocare a carte con i matti -
ma poi eravamo usciti, abbracciati. E ancora mi chiedo dopo trent’anni
che cosa sono state Ville Turro, verde parco nel cuore di Milano,
chiuso agli sguardi di chi sta fuori. Forse un apprendimento.
Prima mi guardavo, adesso cautamente mi vedo e ho tenerezza
per chi m i ha preceduto nello scomparire - ho tenerezza
per il loro travolgente , dissestante amore che mi ha fatta come sono.

Vedo scintillare tra i bagliori frantumati del ricordo i loro volti.
E finalmente li vedo sorridenti, e dopo tutto è un bello sguardo.

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 15 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore cristina bizzarri, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia pe la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

cristina bizzarri, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Luce stanca (Pubblicato il 12/07/2019 18:19:58 - visite: 73) »

:: And I am sick at heart (Pubblicato il 03/07/2019 12:46:51 - visite: 81) »

:: Spargono grandine (Pubblicato il 03/07/2019 09:18:39 - visite: 65) »

:: Offertorio (riveduta) (Pubblicato il 16/06/2019 12:24:29 - visite: 102) »

:: La festa (Pubblicato il 04/06/2019 11:21:51 - visite: 92) »

:: Talita kum (Pubblicato il 12/05/2019 22:45:25 - visite: 115) »

:: Quando leggo poesie (Pubblicato il 06/05/2019 17:06:50 - visite: 146) »

:: L’intimità delle conchiglie (Pubblicato il 18/04/2019 16:01:15 - visite: 135) »

:: Ragazzi succhiavano il sole (Pubblicato il 28/03/2019 09:35:15 - visite: 139) »

:: Curriculum 2 (Pubblicato il 25/03/2019 10:15:05 - visite: 156) »