Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1646 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Jun 18 23:50:55 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Oggi mi regalo un fiore bianco, Linda

di cristina bizzarri
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 16 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 13/05/2012 11:29:17

Oggi mi regalo un fiore bianco, Linda.
So che tu l’avresti fatto
se non te ne fossi andata
così all’improvviso,
senza nemmeno una parola -
perché parole non potevi dire ancora
quando da me sei uscita
senza un suono
e ti hanno messa in una brutta coperta -
marrone come la terra di gennaio
che conserva semi chiusi -
per portarti in un posto
da dove non si torna
se non nei sogni,
ma non ti ho mai sognata.

Così guardando il mio viso
opaco nello specchio
mi vesto gli occhi
di kajal velluto-nero. Forse
se ci fossi mi diresti sorridendo:
“sono come i miei !”
e scherzando te ne vanteresti -
ma con ironia,
perché si sa che è bello
avere gli occhi azzurri.

Azzurri come il mare
dove la sera vado sola
a scrutare l’orizzonte,
fingendo un altro sguardo
oltre la luce,
oltre i riflessi ingannatori
del tramonto.
Forse lontano,
al confine di acque sconosciute,
tu sai qualcosa di altre vite,
ma non me lo puoi dire.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 16 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

cristina bizzarri, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Offertorio (riveduta) (Pubblicato il 16/06/2019 12:24:29 - visite: 49) »

:: La festa (Pubblicato il 04/06/2019 11:21:51 - visite: 65) »

:: Talita kum (Pubblicato il 12/05/2019 22:45:25 - visite: 97) »

:: Quando leggo poesie (Pubblicato il 06/05/2019 17:06:50 - visite: 118) »

:: L’intimità delle conchiglie (Pubblicato il 18/04/2019 16:01:15 - visite: 118) »

:: Ragazzi succhiavano il sole (Pubblicato il 28/03/2019 09:35:15 - visite: 125) »

:: Curriculum 2 (Pubblicato il 25/03/2019 10:15:05 - visite: 136) »

:: Ti basti una tana nel vento (Pubblicato il 13/01/2019 15:47:10 - visite: 130) »

:: In trasparenza attraversati (Pubblicato il 07/01/2019 20:10:42 - visite: 169) »

:: Che strana cosa il mondo, amore del mio soffio (Pubblicato il 07/12/2018 20:26:59 - visite: 252) »