Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1446 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Dec 7 16:59:05 UTC+0100 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Salvatore Toma, il maledetto del Salento

Argomento: Letteratura

di Giuseppe Bisegna
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 27/03/2009 20:02:28

Qualche giorno fa ricorreva l’anniversario della morte di Salvatore Toma, poeta salentino scomparso il 17 marzo 1987.
E’ strano, ma non cosi tanto, che una figura della statura del Toma non venga ricordata e sia sconosciuta ai più. Dico di non meravigliarmi tanto, poiché è questo il destino a cui sono condannati gli scrittori, soprattutto i poeti, che non hanno “qualcuno” alle spalle, che non si piegano al gusto della massa o alle logiche commerciali delle case editrici le quali ormai pensano solo a fare soldi più che a fare cultura.
E Salvatore è stato un poeta di questa pasta. Nato a Maglie l’ 11 maggio 1951 da una famiglia di fiorai, abbandonò presto gli studi liceali ma, nonostante ciò, continuò un assiduo studio dei poeti che egli amava.
I temi che ricorrono nella sua opera sono quelli della morte, del sogno, del suicidio, dell’amore, mai visti con rassegnazione o con decadimento ma sempre con energia e una sprezzante insolenza, capace di trattare con le giuste parole argomenti che spesso spaventano l’ostentata sicurezza dell’uomo.
La carriera editoriale del Toma vide sei pubblicazioni con case editrici minori, alcune finite al macero, accanto a numerosi rifiuti da parte di realtà editoriali importanti, che forse non in questo caso ma in molti altri si fanno vive sempre post-mortem, quando al lezzo del cadavere si sostituisce l’odore del guadagno. Infatti soltanto nel 1999, ad opera della filologa Maria Corti, fu pubblicato per la Collana Bianca di Einaudi il “Canzoniere della Morte”, soddisfazione postuma per il Toma che sicuramente, come recita una sua poesia, si sentirà “bene anche da morto e puro e semplice e ribelle”.


Ai seguenti link maggiori informazioni su Salvatore Toma:

http://salentopoesia.blogspot.com/2009/03/salvatore-toma.html

http://vertigine.wordpress.com/2007/06/03/salvatore-toma-ancora-un-anno/

http://lellovoce.altervista.org/spip.php?article212


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Giuseppe Bisegna, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Giuseppe Bisegna, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Alimentazione ] Parigi, censurata la pipa di Jacques Tati (Pubblicato il 20/04/2009 22:31:04 - visite: 1178) »